Recensione: “Colazione in riva al mare” di Ali McNamara – Newton Compton

Buon pomeriggio cari lettori, sono ancora in ferie come, spero, molti di voi, ma le mie letture non si arrestano mai, così come le recensioni. Qualche giorno fa ho terminato la lettura di “Colazione in riva al mare”, il nuovo romanzo di McNamara, e oggi sono pronta a lasciarvi la mia recensione. 

 

Titolo: Colazione in riva al mare
Autore: Ali McNamara
Editore: Newton Compton 
Genere: Romanzo Rosa
Link d’acquisto: Amazon 

Trama: 

La vera casa è dove si trova il tuo cuore…
Il sole splende sulla piccola e tranquilla località di mare di Sandybridge: accoglienti negozi di souvenir, una sala da tè e un favoloso fish and chips. È il posto dove Grace è cresciuta, anche se al momento non ne è troppo contenta. Finché è rimasta a Sandybridge, ha aiutato i suoi genitori a scovare dei tesori vintage per il loro negozio d’antiquariato, ma il suo desiderio è sempre stato quello di poter girare il mondo. E a un certo punto lo ha fatto: ha cominciato a viaggiare per lavoro, si è innamorata, ha costruito una famiglia. Allora perché si trova di nuovo in quella cittadina sul mare, che si era lasciata alle spalle, e a rivedere Charlie, il suo migliore amico quando era adolescente? Forse viaggiare in giro per il mondo non era quello di cui Grace aveva veramente bisogno. Forse quello che cercava è sempre stato a portata di mano… 
Un romanzo dolce e delicato che parla d’amicizia e del primo amore

Recensione: 

Vi dico subito che sono stata incuriosita immediatamente dalla copertina, adatta a questo periodo estivo e vagamente in sintonia con ciò che poi viene narrato nel romanzo. Sandybridge, infatti, si trova sul mare ed è la piccola cittadina in cui è nata e cresciuta la protagonista, Grace. Lì si svolgono tutti i fatti importanti del romanzo, ma, effettivamente, la traduzione del titolo originale non è azzeccata quanto può sembrare. Il titolo originale infatti era “‘Letters From Lighthouse cottage” e, in base a ciò che ho letto, credo sarebbe stato meglio tradurlo alla lettera. 

Il romanzo “Colazione in riva al mare” è diviso in quattro parti che poi sono i quattro periodi della vita di Grace e di tutti i personaggi di rilievo del libro. Nella prima parte troverete una Grace adolescente, timida e spesso impacciata, che ha una cotta per il bello della scuola – come spesso accade – e che è appena incappata in colui che poi sarà il suo migliore amico, ovvero Charlie. Il personaggio di Charlie mi è piaciuto molto, perché da sempre chiaro come un libro aperto… e credo che lo sarebbe stato per chiunque, tranne per Grace che, a mio avviso, anche crescendo non perde mai quella sua esagerata ingenuità. Un altro personaggio importante ai fini della storia, e che ho adorato per le sue battute irriverenti, è Danny, che insieme a Charlie e a Grace forma  le colonne portanti di questo libro. 

La narrazione non è fluida come avevo sperato, a volte ci si perde un po’ e spesso è lenta… troppo lenta! Altre volte, invece, pur mantenendo un susseguirsi di dialoghi lentissimi che un po’ spengono la curiosità di andare avanti, risulta troppo veloce. In che senso direte voi? Be’, diciamo che capita spesso di ritrovarsi in un’altra fase della vita dei protagonisti solo voltando l’ultima pagina del capitolo appena letto e, approdando nel nuovo capitolo, ci si ritrova a cose già fatte. Sì, ai protagonisti nel frattempo sono capitate delle cose, anche molto rilevanti e di grande importanza per l’andamento delle loro vite, ma noi non le abbiamo vissute leggendole quando stavano accadendo, ma ci vengono raccontante sommariamente come fosse un riassunto degli anni trascorsi. 

Tuttavia il romanzo è scritto e tradotto bene, può essere comunque una piacevole lettura estiva, che sembra un po’ d’altri tempi, resa interessante anche dalla presenza di Remy; una macchina da scrivere decisamente particolare che preferisco scopriate da soli.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *