La più bella storia d’amore di Brendan Kiely.

La più bella storia d’amore è un romanzo che ho avuto il piacere di leggere in anteprima grazie alla casa editrice Mondadori. Un romanzo, dolce e tenebroso, che merita un posto nella libreria.

SINOSSI

Hendrix è qualcosa a metà tra un poeta e un’anima persa. Con un padre mai conosciuto e morto tanti anni prima, e una madre votata totalmente al lavoro, vede nel nonno l’unica e sola famiglia che abbia mai avuto. Peccato che l’Alzheimer se lo stia portando via un poco alla volta. In un estremo tentativo di dargli un motivo in più per resistere, Hendrix gli ha fatto una promessa impossibile: prima che la malattia cancelli qualsiasi ricordo della moglie, il suo unico, grande, indimenticabile amore, lui lo riporterà sulla collina dove i due si scambiarono il primo bacio.

Corrina è una musicista di talento, soffocata dai genitori adottivi troppo apprensivi. La sua unica possibilità per sopravvivere sembrerebbe la fuga da una vita che non la rappresenta, per diventare la persona che davvero desidera essere, qualunque cosa questo significhi.

Ritrovatisi insieme un po’ per caso in una caldissima notte di luglio, Hendrix e Corrina decidono di rischiare il tutto per tutto. Dopo aver rubato la macchina della madre del ragazzo e aver fatto uscire il nonno dall’istituto in cui è ricoverato, danno inizio al loro viaggio verso est. Un’avventura che li condurrà da Los Angeles a New York, inseguiti da genitori, medici e polizia, e che insegnerà ai due ragazzi qualcosa di più su cosa significhi essere davvero se stessi e innamorarsi per la prima volta. E soprattutto quanto nella vita sia fondamentale l’amore. Perché forse è proprio vero quello che dice sempre il nonno: le uniche storie destinate a durare sono le storie d’amore.

RECENSIONE

“La più bella storia d’amore” è un romanzo si d’amore. D’amore allo stato puro. Di quelli che non si dimenticano mai, nemmeno se hai l’Alzheimer. Di quelli, anche, che si scoprono strada facendo, in una corsa pazza contro il tempo, contro i problemi giovanili e le incomprensioni quotidiane.

Di quelli di una intensità che non si possono contrastare per una perdita di memoria o per spigoli caratteriali da limare. L’amore, quando c’è, non può essere trattenuto nè con le corde, nè con la mente. Va da sè seguendo il suo percorso, lineare o tortuoso che sia. Ed è questo il caso di Hendrix e Corrina, sia del nonno di Hendrix e la sua adorata moglie.

Ma questa non è solo una storia d’amore, è anche una storia di crescita personale. Il confronto dei due giovani così diversi come Corrina ed Hendrix permette di scandagliare l’animo umano in tutte le sue pieghe e di intrecciare nuovi rapporti sulla base del cambiamento. Il la del cambiamento lo suona il nonno, lui e le sue perle di saggezza, lui e i suoi vuoti di memoria, lui e i suoi ricordi indelebili, lui e il suo amore sconfinato che lo porta ad attraversa gli states sulla route 66 con inopportune persone alle calcagna.

Il nonno Charlie è il personaggio che più ho amato, solo contro un mondo che sta dimenticando, ma allo stesso insieme alla più piacevole compagnia che potesse mai avere. Un uomo che cerca di restare attaccato alla vita nonostante essa sembra scordarsi di lui. E’ una persona strabiliante ed emozionante, un nonno formidabile che cerca, nonostante la memoria vada a sprazzi, di trasmettere ogni sapere, ogni affettività, ogni segreto a suo nipote Teddy, ovvero Hendrix.

I due ragazzi, Corrina ed Hendrix sono bilanciati bene in un rapporto a due alquanto bizzarro ma allo stesso complementare. Sono come alfa e omega, come la luna e il sole, come la tranquillità e il ritmo frenetico di una città metropolitana. Leggendolo, appurerete meglio cosa voglio dire.

Brendan Kiely, l’autore di questo romanzo intelligente e acuto, ne traccia un profilo psicologico perfetto, dando vita a delle introspezioni quasi poetiche a volte. E’ riuscito a conciliare personalità diverse e contrapposte, interessi variegati ed età differenti, in un unico grande quadro, allineando, attraverso il viaggio on the road, ogni riflessologia planetaria e caratteriale dei tre protagonisti.

Con un linguaggio fluido e lineare, l’autore ha messo insieme una, appunto, delle più belle storie d’amore mai raccontate. Scopritelo!

xoxo Marylla

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *