Recensione: Dillo alla luna di Melissa Pratelli

Oggi la nostra Veronica ci parla di DILLO ALLA LUNA di Melissa Pratelli, uscito il 22 maggio in self publishing.

SINOSSI
A diciotto anni, Raine Anderson ha già smesso di credere nell’amore. Nel suo passato si cela una terribile esperienza che l’ha segnata profondamente, rendendola incapace di fidarsi degli altri.
Negli ultimi due anni, Raine si è chiusa in casa, si è chiusa in se stessa, ha chiuso il proprio cuore.
L’amore, però, non ha smesso di credere in lei e si manifesta sotto le spoglie di James Collins, diciannovenne bello e spigliato e fermamente intenzionato a fare breccia nella sua corazza.
Ma Raine è davvero disposta a credere di nuovo o il dolore che ha vissuto sarà più forte dell’amore?

RECENSIONE

Le parole feriscono più dei gesti, possono distruggere una persona e convincerla di essere niente, di essere sbagliata. Io ne sapevo qualcosa.

A chi non è capitato, almeno una volta nella vita, di sentirsi come Raine? Le parole hanno un potere enorme, e se a pronunciarle sono le persone che amiamo questo potere cresce ancora di più. Tant’è che spesso sarebbe meno doloroso ricevere uno schiaffo in pieno volto piuttosto che sentirsi rivolgere parole che non vorremmo mai sentire o non ci saremmo mai aspettati di sentire.

Dillo alla luna di Melissa Pratelli, pubblicato lo scorso 22 maggio da DZ Edizioni, affronta proprio la questione di come e quanto il tradimento e le parole di chi credevamo ci amasse possano influenzare l’intera vita di una persona.

Raine Anderson è una ragazza di 18 anni scontrosa e taciturna, che non nutre alcuna fiducia nell’universo maschile e lo rifugge con tutte le sue forze. Ma non è sempre stato così: fino a due anni prima lei era felice e serena, aveva un bellissimo ragazzo che amava e dal quale era ricambiata, e il suo mondo era turbato unicamente dalle tipiche esperienze adolescenziali, che col senno di poi appaiono di poco conto rispetto ai problemi della vita futura.

Questo equilibrio però viene stravolto, e accade nel peggiore dei modi, con conseguenze a breve e lungo termine per Raine, che decide di cambiare scuola e tagliare i ponti con tutti coloro che la frequentano.La nuova Raine non si lascia andare, odia socializzare perché non si fida più di nessuno, e ha come punto di riferimento, oltre alla sua famiglia, solo la sua migliore amica Susan.

James Collins appare invece come il classico dongiovanni senza un pensiero a turbarlo se non quello di decidere a quale ragazza concedere le sue grazie. È bello, solare, impertinente e non cerca l’amore…almeno non a livello consapevole. Perché, in realtà, una ragazza con un fermaglio a forma di luna tra i capelli cambierà drasticamente la sua vita. Non saprebbe spiegarne il motivo, ma quando incrocia per la prima volta gli occhioni blu di Raine sa che quella ragazza è diversa dalle altre, e sa che farà di tutto per conquistare la sua fiducia e il suo cuore.

Le tematiche affrontante in questo young adult non sono affatto semplici da gestire per degli adolescenti che sì, si stanno affacciando alla vita adulta, ma hanno con loro strascichi non indifferenti che gli hanno impedito di vivere serenamente quegli anni in cui gli unici pensieri dovrebbero essere legati ai compiti, agli amici e alle prime cotte.

Lo stesso James non è il ragazzo superficiale che sembra, ha in sé una fragilità e un dolore profondo, che lo accompagna ogni giorno, ma di cui solo il migliore amico Malcolm conosce le motivazioni.
Il legame che, a poco a poco, si instaura tra James e Raine è puro e bellissimo, e forse proprio la cautela con cui nasce e si sviluppa lo renderà molto solido, nonostante le vicissitudini che si troverà a dover affrontare.
Raine è un osso duro, è decisa a non farsi mai più ferire, e sarà solo dopo molto tempo che si concederà di credere nuovamente che le persone belle esistono davvero, di quella bellezza che non è esteriore, ma è nei gesti, nella perseveranza, nell’esserci sempre.

«Cosa vuoi da me, James?»
«Voglio ogni cosa che tu vorrai o potrai darmi. Niente di più e niente di meno.»
«Perché hai deciso di non portarti più a letto tante ragazze diverse?»
Come posso fidarmi di te? Come faccio a sapere che non sparirai appena ti avrò dato quello che cerchi?
«Perché mi sono reso conto che quello che voglio sei tu.»

Dillo alla luna è un romanzo dolce e molto scorrevole, che consiglio assolutamente a chi ha voglia di trascorrere qualche ora leggendo una bella storia d’amore, con un meritatissimo lieto fine.

Veronica Palermo

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “Recensione: Dillo alla luna di Melissa Pratelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *