I The Kolors fanno sbuffare i fans accorsi al firma-copie di Ravenna.

Un pomeriggio torrido quello del 2 giugno a Ravenna, eppure in tantissimi sono accorsi al centro commerciale ESP per il firma copie dei The Kolors peccato che…

Come abbiamo anticipato, il 2 giugno ad attendere i The Kolors, il gruppo famoso per aver vinto il talent show “Amici”, c’erano centinaia di ragazzi e anche tanti bambini. L’appuntamento era previsto – come annunciato più volte da “Alla vigna events” – per le ore 17.00 nella nuova piazzetta del rinnovato centro commerciale Esp. La calca era davvero impressionante, faceva davvero molto caldo e il disappunto si è manifestato quando il gruppo ha iniziato ad accumulare un bel numero di minuti di ritardo. Sul palco, in non poca difficoltà, il presentatore che le ha provate tutte per intrattenere i fans. A un certo punto, però, persino lui ha abbandonato il pubblico per un’assenza annunciata di cinque minuti – al termine dei quali avrebbe dovuto fare ritorno con il gruppo a seguito – divenuti più di trenta.

Alle 18.00 dei The Kolors non c’era ancora alcuna traccia, il caldo aumentava e i raggi del sole cocente di un giugno particolarmente caldo penetravano dal soffitto  a vetri. I bambini piangevano, i ragazzi sbuffavano e il conduttore, tornato sul palco da solo, continuava ad accampare scuse. A un certo punto ha persino pensato che illudere il pubblico dell’arrivo imminente della band fosse la giusta strategia; “Appena sentirete partire la base musicale vorrà dire che i The Kolors stanno per salire sul palco”, diceva. E la base in effetti è partita, almeno 5-6 volte, ma dei The Kolors nessuna traccia fino alle 18. 40. Stash e gli altri due membri del gruppo si sono fatti vivi solo dopo un’ora e quaranta minuti di ritardo, quando ormai molte persone spazientite avevano lasciato il centro commerciale tra le imprecazioni e le urla dei bambini esausti.

Ora, io ero lì per conto del sito e pensavo che avrei scritto un bell’articolo di presentazione per il loro nuovo Album You, singolo  che abbiamo ascoltato, nell’attesa, fino all’esasperazione. Invece mi ritrovo ad unirmi al Resto del Carlino che, tra l’altro, ha riportato l’attenzione proprio su quanto accaduto; sulla folla che si è spazientita e il ritardo clamoroso da star consumate. Certo, in molti sono rimasti e li hanno accolti con un boato di gioia e adrenalina e forse è proprio su questo che si marcia sul non rispetto del pubblico; tanto ci saranno sempre quei fans che offuscati da chissà cosa non si accorgono del resto. In fondo non è la prima volta che i The Kolors deludono con gesti che vanno ben oltre a un ritardo, mi riferisco al famoso sputo in diretta TV di non troppo tempo fa.

Onestamente, credo si debba avere un maggiore rispetto per il pubblico che è, fondamentalmente, il motivo per cui i musicisti e gli artisti in generale fanno il lavoro che fanno. Se nessuno andasse ad attenderli, o comprasse i biglietti dei loro concerti, di sicuro non avrebbero il privilegio di campare grazie alla loro passione per la musica e alla loro arte. Lo stesso discorso vale per gli scrittori, categoria di cui nel mio piccolo faccio parte e vi garantisco che nutro un profondo rispetto per i miei lettori.

Un piccolo video della prolungatissima attesa e l’arrivo dei The Kolors che hanno avuto la sfacciataggine di definire quasi due ore di ritardo, un piccolo ritardo!

NB: Il video non è più disponibile perchè chi si occupa della band ha messo il copyright sull’audio anche per le brevi registrazioni personali in luogo pubblico.

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *