“Cane mangia cane” di Paul Schrader | Al cinema

Paul Schrader non è l’ultimo arrivato e i cinefili, almeno un po’ appassionati, lo conoscono bene. A partire da Taxi Driver, fino ad arrivare ad American Gigolo, il suo nome è associato a film non proprio passati indifferenti!

Tra sceneggiature e regie, la sua impronta nel cinema internazionale, l’ha lasciata, pressante. Ma arrivato a settant’anni, con una carriera alle spalle che lo ha fatto salire nell’Olimpo, cosa può volere ancora? Continuare, è chiaro per tutti quelli che una passione la vivono lavorativamente parlando. Perché fermarsi e vivere solo nella fama ricordata?

Quest’anno Paul Schrader dirige una sceneggiatura tratta da un romanzo di Edward Bunker, “Cane mangia cane“. Dai suoi testi sono ispirati noir di fama internazionale, come Le iene e Animal Factory, dunque immaginate cosa possa uscirne fuori dall’unione tra Edward Bunker e Paul Schrader. Da un lato un perfetto costruttore di noir, che spinge personaggi smarriti verso una redenzione inarrivabile, su una corsa ciclica, dall’altro uno scrittore, ex carcerato, che ha scritto storie dalle quali sono nati veri e propri cult!

Sarà un cult, questo? Difficile, soprattutto in una visione contemporanea che non riesce a riconoscere bellezza attuale ma quasi esclusivamente nel passato. Come quasi la santificazione cattolica, o la beatificazione. Come un vino che deve necessariamente invecchiare un po’ per esser buono. Così le produzioni artistiche devono invecchiare un po’ per essere apprezzate o santificate.

Questo è già descritto bene dai critici, che si sa bene, un commento positivo non lo sprecano! Ma davanti ai grandi nomi, forse, sanno farsi influenzare. Unica nota dolente, inaspettatamente, una trama confusa. Ma chi ci dice che non riusciremo, solo alla fine del film, a trovare il senso in mezzo a tutto questo caos?

Violenza, esasperazione, dannazione, tensione verso la salvezza: questi sono i temi di un film che credo ci terrà incollati alla poltrona, forse con un occhio chiuso e l’altro aperto di nascosto. Incantati da un gusto sadico del quale un amante del noir come Paul Schreder non può che far tesoro.

Non vi dico nulla sulla trama, se volete guardate il trailer, o meglio, andate al cinema. Il film esce oggi, 13 luglio, e aspetta solo voi!

Alessia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *