Recensione: “Vado, sbaglio e torno” di Jana Aston ━ Newton Compton.

” Non avevo idea di quanto fosse realmente
raccapricciante finchè non ho capito
che ero proprio io a volere tutte quelle cose. “

Vado, sbaglio e torno. 

Buon pomeriggio carissime lettrici, oggi voglio parlarvi di un nuovo libro che ho finito di leggere da poco, un libro che a tratti mi è sembrato carino, in altri momenti un po’ frettoloso. Come avrete già visto dal titolo sto parlando di “Vado, sbaglio e torno” di Jana Aston.

Trama: 

Ho una certa abilità nello scegliere la persona sbagliata, devo ammetterlo. Magari viene fuori che il tipo che mi piace è gay. Oppure ha il vizio dei giochi spinti. Per non parlare di quello tutto perfettino che nella vita è solo un viziato cocco di mamma. Insomma, riesco a inanellare uno sbaglio dopo l’altro…

Ultimamente, però, mi capita di non riuscire a smettere di fantasticare su uno dei clienti del bar dove lavoro nei ritagli di tempo. Mi auguro che sia solo un’innocua cottarella, niente di cui preoccuparsi. L’uomo in questione è il mio ginecologo ed è molto più grande di me. E questo lo fa diventare Mr. Uomo Sbagliato. Ma è anche vero che non mi ricordo di avere mai avuto fantasie più eccitanti e scandalose…

Recensione:

Non so a voi, ma a me andare a fare una visita ginecologica imbarazza sempre da morire. Questo succede anche se vengo visitata da una donna, è più forte di me diventare rossa come un peperone e tenere lo sguardo fisso ovunque… ma non sulla dottoressa.

Immaginatevi quindi quanto potrebbe essere imbarazzante farsi visitare da un dottore sexy come Luke. Io molto probabilmente scapperei a gambe levate o inizierei a scavarmi una fossa e lì mi nasconderei per sempre. Senza ombra di dubbio Sophie, la protagonista, ha reagito in modo migliore ed ha cercato di restare calma… beh, più o meno. Non solo perchè Luke è davvero affascinante, ma anche perchè è lo stesso uomo a cui serve il caffè / quasi / tutte le mattine. Potrebbe essere più imbarazzante di così?

 

Ebbene sì, può esserlo. Difatti l’affascinante dottore Luke inizierà a manifestare da subito una notevole attrazione e interesse per Sophie, nonostante la differenza di età tra di loro, e la conquisterà con poco, davvero poco. Diciamo che la nostra studentessa era già caduta tra le sue braccia ancora prima che il bel dottore potesse dire o fare qualcosa. Da questo punto in poi si sussegguono una serie di scene hot, decisamente molto hot. Una costante durante queste scene è il dirty talking / che poi io mi chiedo, esiste davvero qualcuno che dice tutte quelle cose durante il sesso? /, che sembra essere molto apprezzato dalla nostra protagonista che, pur essendo alle prime armi, sa già bene come destrarsi tra parole sconce e gesti altrettanto bollenti.

«Mi piace come mi tocchi, Luke.
Mi sento sempre al sicuro anche quando
mi fai cose che dovrebbero spaventarmi. »

Il romanzo però non è solo sesso, all’interno ci sono altri problemi che incasinano la loro vita, personaggi creati proprio per dare scompiglio, problemi legati alla loro differenza di età e ai loro caratteri differenti. Queste scene hanno arricchito il libro, anche se spesso non sono state curate come avrebbero meritato.  Molti “problemi” infatti sono stati accantonati come se niente fosse, e le reazioni dei personaggi / soprattutto quelle di Sophie / sono state nulle.

Nonostante ciò si arriva alla fine dove tutto sembra risolversi in un modo che, in base alla storia, ho trovato un po’ banale. Mi aspettavo un po’ di più, qualcosa che fosse più in linea con tutto il resto del romanzo, e invece sembra quasi che questo finale sia stato aggiunto per compiacere il lettore. Solo alla fine troviamo il POV di Luke, per pochissime pagine riusciamo ad entrare nella sua mente, ma non scopriamo molto. Tutto il romanzo è scritto molto bene, è scorrevole e a tratti divertente, ma arrivando all’ultima pagina / con un bel salto temporale / non ho potuto far altro che farmi mille domande… che fine hanno fatto tutti gli altri personaggi??

In definitiva consiglio questo libro a chi sta cercando una lettura leggera, divertente e passionale.

Linda. 

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *