Buongiorno, che ne dite di iniziare la settimana con una ricetta semplice e gustosa?!

Oggi vi propongo un piatto che ho preparato qualche tempo fa e che ho già postato sul mio blog di cucina (www.incucinaconcinzia.trattorosa.it) , è stato molto apprezzato da mio marito. In effetti,  le linguine con robiola e salmone affumicato hanno un gusto davvero delicato al palato, e poi hanno anche altri tre vantaggi: pochi ingredienti, pochi passaggi e veloce da realizzare senza particolari difficoltà nell’esecuzione.

Andiamo a vedere quali sono gli ingredienti per realizzare le linguine al salmone e robiola!

 

 

Ingredienti:

  • 100gr di salmone affumicato
  • 200gr di linguine
  • prezzemolo q.b.
  • 100gr di robiola
  • 1 spicchio d’aglio.
  • pomodorini datterini.
  • olio, sale, pepe q.b.

 

Preparazione:

Iniziamo con la preparazione del condimento: in una padella antiaderente e abbastanza capiente (come il wok ad esempio) fate soffriggere uno spicchio d’aglio in camicia (ovvero senza privarlo della buccia, schiacciatelo leggermente e mettetelo in padella), quando sarà imbiondito toglietelo e versate nel wok il salmone affumicato che avrete precedentemente tagliato a listarelle e poi in quadratini  non regolari.  Quindi lasciate cuocere per qualche minuto a fiamma medio-bassa.
Quando il vostro salmone sarà cotto aggiungete la robiola prestando attenzione nell’amalgamarla  per bene con il salmone, a questo punto potete aggiungete i pomodorini che avrete precedentemente lavato e tagliato in quarti. Oppure, potete utilizzare i pomodori pelati in scatola. Vi consiglio di scegliere sempre pomodori di tipo datterino. Intanto che il condimento si amalgama, portate ad ebollizione dell’acqua salata in una pentola e quando avrà raggiunto il bollore, tuffateci dentro le linguine e fatele cuocere. Quando saranno al dente, scolatele e versatele nella padella con il salmone, la robiola e i pomodorini. Fateli saltare in padella per circa 5 minuti e poi serviteli. Potete decorare il piatto con in queste foto:

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *