Eccoci con un’altra ricetta!
Oggi vi propongo una ricetta della tradizione Siciliana a base di melanzane e ricotta salata. Ovviamente sto parlando della pasta alla Norma. Il formato di pasta da scegliere sono i Rigatoni.

11999080_10203816556208126_6055882371090333986_n

Andiamo a vedere gli ingredienti:

Ingredienti per 2 persone

  • 200gr di pasta (tipo rigatoni)
  • 100gr ricotta salata
  • 1 melanzana media
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 foglie di basilico fresco
  • 250gr passata di pomodoro (io ho usato la polpa di datterini)
  • Olio d’oliva q.b.
  • sale, pepe q.b.

Preparazione:

Affettate la melanzana a rondelle non troppo sottili. Mettete le fette di melanzana in una ciotola… sistemate le fette a strati, ogni strato una spolverata di sale e lasciatele lì per almeno 30 minuti. In questo modo perderà il sapore amarognolo. Dopodiché, lavate le fette di melanzana con acqua pulita e asciugatele con della carta da cucina o con un canovaccio pulito.
A questo punto tagliate a dadini la maggior parte delle fette (tenetene qualcuna da parte in moda da usarla come guarnizione) e friggete in olio. Mettete da parte la melanzana fritta.
Sempre nella stessa padella dove avete cotto le melanzane fate soffriggere lo spicchio d’aglio, aggiungete successivamente la polpa di pomodoro… fate cuocere a fuoco medio per qualche minuti e poi unitevi le melanzane (tranne le fette intere), aggiungete anche il basilico spezzettato, togliete l’aglio, e aggiustate di sale e pepe (fate attenzione a non esagerare con il sale, perché dopo dovrete aggiungere la ricotta salata). Nel frattempo grattugiate a scaglie la ricotta e mettetela da parte. In una pentola, portate ad ebollizione abbondante acqua salata e fate cuocere i rigatoni.
Aggiungete parte della ricotta al sugo, scolate i rigatoni e versateli nella padella con il sugo… Fate amalgamare.
A questo punto potete servire i rigatoni guarnendoli con un po’ di ricotta grattugiata e le fette di melanzane che avevate tenuto da parte.

Cinzia La Commare – In cucina con cinzia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *