Buongiorno, come avrete già intuito io adoro la pasta gratinata. Adoro il fila e fondi dei formaggi.
Dunque la ricetta che vi propongo sono dei gustosi Rigatoni gratinati con melanzane. Tranquilli, è una ricetta di facile esecuzione e non servono troppi ingredienti.

10906267_838262639588954_3205316842275770752_n

 

Ingredienti per 2 persone

  • 1 Melanzana non troppo grande
  • 200gr di passata di pomodoro
  • 3-4 foglie di basilico fresco
  • 1 mozzarella, meglio se per pizza
  • 1 scalogno
  • 80gr di parmigiano grattugiato
  • sale, pepe q.b
  • Olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio
  • Pasta tipo Rigatoni 200gr

Preparazione:

Iniziate con il tagliare a cubetti la melanzana (lasciate la buccia) e mettetela un paio d’ore in una terrina con acqua salata, servirà a farle perdere quel retrogusto amaro tipico delle melanzane.  Trascorse le due ore, sciacquate e asciugate i cubetti di melanzana. Fate rosolare uno scalogno con olio d’oliva in un wok (o in una padella antiaderente) e aggiungete i cubetti di melanzane; Lasciateli cuocere a fuoco medio fino alla quasi totale cottura, a questo punto aggiungete la passata di pomodoro e il basilico, lasciate rapprendere e aggiustate di sale e pepe. Nel frattempo portate ad ebollizione dell acqua salata in un’altra pentola e fate cuocere al dente i vostri rigatoni, quindi scolateli e uniteli al sugo di melanzane facendoli saltare in padella per due minuti.

Adesso passiamo alla fase della gratinatura: versate una prima metà dei rigatoni conditi in una teglia da forno possibilmente di vetro, quindi cospargete il primo strato di rigatoni con metà della mozzarella che avrete precedentemente tagliato a dadini più o meno regolari. Procedete versando un altro strato di pasta utilizzando la rimanente metà di rigatoni, quindi  cospargeteli con la restante mozzarella e il parmigiano grattugiato. Fate gratinare in forno già caldo per circa  10-15 minuti a 200 gradi con la funzione gratin attivata. Servite caldi e filanti.

Non mi resta che augurarvi buon appetito!

Cinzia La Commare

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *