Chi non mangia un buon piatto di insalata di riso durante il periodo estivo?! Fresco, ricco, leggero. Be’, a volte forse si esagera con il condimento ma ci sono davvero molte varianti, adatte a tutti i gusti.

Oggi vi propongo la mia ricetta per l’insalata di riso che mi è sempre tanto piaciuta fin da piccolina.

43294919-3ec0-4fff-bec6-66e0c09e8dd1

Ingredienti per 3-4 persone: 

  • 250 gr. di riso paraboiled o basmati.
  • Preparato per insalata di riso (non sottaceto ma in agrodolce)
  • Olive nere
  • 2 scatolette di tonno (scegliete voi se al naturale)
  • 1 scatoletta di Manzotin
  • Una decina di wurstel (io ho usato quelli di suino, ma potete variare con quelli di pollo o tacchino)
  • Sale q.b.

Preparazione: 

Preparare un’insalata di riso, niente di più semplice. Iniziate con il mettere a bollire dell’acqua salata e, raggiunta l’ebollizione, versatevi 250 grammi di riso paraboiled (o basmati). Fate cuocere per circa 14 minuti ricordandovi di mescolare di tanto in tanto, per evitare che i chicchi si attacchino al fondo della pentola. Nel frattempo, aprite una lattina di preparato per insalata di riso e sgocciolate gli ingredienti (il liquido nel quale sono stati conservati avrebbe un sapore troppo forte). Dopodiché prendete una ventina di olive nere snocciolate e tagliatele a rondelle. Passate ai wurstel senza gelatina, quindi tagliate anche questi a rondelle o a triangolini. Prendete il tonno e sgocciolatelo (non deve rimanere olio). Quando il riso sarà al dente, scolatelo e versatelo in un contenitore capiente. Lasciatelo raffreddare un po’ e aggiungete tutti gli ingredienti che avete preparato in precedenza. Aggiungete anche la manzotin privata dalla gelatina. Ok, adesso potete riporre la vostra insalata di riso in frigorifero per almeno un paio d’ore.
Potete servirla adagiata su una fetta di prosciutto cotto, oppure, per chi ama le tradizioni che appesantiscono anche un piatto che dovrebbe essere leggero, aggiungete un po’ di maionese.

a92b9d76-ee24-4e85-874a-ab9673ea789c

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *