I molluschi contagiosi sono una delle infezioni caratteristiche dell’estate, e colpiscono soprattutto i bambini. Un’infezione della pelle che crea delle papule giallo chiaro che al tatto risultano abbastanza solide e consistenti. Un virus molto diffuso proprio tra i più piccoli che raggiunge il massimo della sua diffusione durante le stagioni calde. I luoghi dove si annida e nei quali è più facile rimanere infettati sono le piscine o le rive sabbiose delle coste marine. Si diffondono per contatto e si possono prendere anche solo toccando le bolle di qualche bambino infetto. Ma cerchiamo di capire cosa sono i molluschi.

Cosa sono e come riconoscere i molluschi

Partiamo dal capire cosa sono i molluschi. Scoperti nel 1817 fu Bateman a dare loro un nome e a studiarli. Il Molluscum Contagiosum è un virus ad alta capacità infettiva che attacca sia grandi che piccini. Si riconosce proprio dall’affacciarsi dei sintomi classici cioè dall’apparire sulla pelle di alcune piccole escrescenze che diventano sempre più consistenti, solide e grandi. L’infezione è molto facile anche perché avviene tramite contatto ed è favorita dal caldo umido e dalla mancanza di igiene nei luoghi pubblici.

La sua incubazione può essere così silente che i sintomi si manifestano solo dopo qualche mese. Ma, per accertarne la presenza, serve un consulto con uno specialista. Infatti si tratta di una bolla giallastra che si espande e che quando scompare lascia una cicatrice e che in molti casi viene scambiata per una banale infiammazione della pelle. L’infezione nei bambini si manifesta sulle gambe e le braccia in particolar modo ma anche sulla faccia e il petto, nei grandi invece colpisce le cosce e la zona vicina all’inguine. Una volta riconosciuti però vediamo come curarli.

Le cure per eliminare i molluschi contagiosi si basano su una serie di prodotti farmaceutici specifici, soprattutto se si vuole evitare di intervenire chirurgicamente, o di affidarsi ai sistemi crioterapici con l’azoto liquido che risultano abbastanza dolorosi. Ma attenzione e pulizia possono essere altrettanto importanti se vuoi evitare di rimanere infettato, soprattutto durante l’atto sessuale. Inoltre, ci possiamo affidare anche a dei rimedi naturali per superare il problema dei molluschi. Vediamo quali possono essere.

Come curare i molluschi con rimedi naturali

Curare i molluschi con rimedi naturali, soprattutto se si tratta di bambini, è una scelta meno aggressiva. Sono parecchi infatti i prodotti con i quali puoi intervenire su queste papule per eliminarle. Uno di questi è l’olio essenziale di Melaleuca, conosciuto come Tea Tree Oil che tra le sue tante proprietà ha un potere anti-fungino che ne fa un ottimo rimedio. Ma anche il comunissimo aglio, presente in tutte le cucine, è un ottimo rimedio. Basta pestarlo in un mortaio e cospargere il succo sulle pustole. Sembra essere anche molto efficace l’aceto di mele. Basta prendere un batuffolo da trucco, imbevuto di aceto di mele e applicarlo per una notte, bendando la parte con una fascia in modo che non si stacchi. Infine puoi usare anche le foglie di mirto australiano combinate con olio d’oliva e limone. Una miscela da applicare sulla pustola con un massaggio che lo faccia agire in profondità.

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *