Nel primissimo appuntamento con questa rubrica voglio parlarvi dell’inizio del sogno… Il mio!

Tutto ha avuto inizio il sette settembre del 1997. Quel giorno ho conosciuto colui che poi è diventato il mio fidanzato, avevo 10 anni… Ero stata invitata alla comunione della mia migliore amica (nonché sua cugina), al ristorante il mio sguardo si posò su un bellissimo bambino dai capelli dorati… ero ancora una piccola mocciosa, eppure in quell’istante ho capito cosa significasse avere le farfalle allo stomaco.

Gli anni passarono e ci eravamo ormai persi di vista, ma nel 2002 in uno dei tanti pomeriggi d’estate passati con gli amici, vicino al Politeama, a Palermo, vidi passare quel bellissimo bambino dai capelli dorati diventato uomo… E quello che rese quella giornata indimenticabile fu che anche lui mi riconobbe!
Il destino aveva fatto incrociare ancora una volta le nostre strade, ma il destino non poteva fare tutto da solo: lui mi diede appuntamento e io accettai… e quella notte del nove settembre mi baciò.

Da quel momento non ci siamo più lasciati.

 

VVLa sua prima proposta di matrimonio arrivò dopo due mesi di fidanzamento: mi donò una vite a occhiello chiedendomi di sposarlo, avevamo quindici anni, fu una cosa davvero romantica

 

 

 

 

 

 

La sua esclamazione mentre scrivo queste righe: “e mi cunsumavu!”

(mi sono rovinato, esclamazione siciliana ironica.)

 

…ma torniamo a noi, come dicevo, dopo tantissimi anni di fidanzamento con anello di brillanti regalato, non mi aspettavo più una sua proposta di matrimonio, ma mi sbagliavo: ad aprile di quest’anno, mentre eravamo in un ufficio, improvvisamente si è girato a guardami e, non curandosi dell’impiegata che ci stava a guardare, guardandomi negli occhi mi disse: che ne pensi se il 09 settembre 2016 ci sposiamo? Voglio vivere con te.
Ne rimasi sorpresa… Non mi sarei mai aspettata una cosa del genere, soprattutto in quel momento.

Inutile dirvi che ho accettato immediatamente!
E da qui parte il mio sogno…

Leandra.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *