Un matrimonio con la neve, chi non lo ha sognato? Ma alcuni di noi vivono in regioni dove vedere la neve è a dir poco impossibile. E allora come si può fare per avere uno “Snow White Weddingi?” Facile, bisogna organizzare un matrimonio fuori porta! Vediamo come… 

la-duquesa_nochevieja-1

 

Il matrimonio può diventare in questo modo un viaggio insieme agli amici e ai parenti che sentite più vicini:

Cortina è una delle mete consigliate per questo tipo di nozze. La montagna offre uno scenario insolito e sicuramente di grande effetto. E la particolarità dello snow white wedding è proprio lo  scenario fatto di paesaggi da sogno immersi nell’atmosfera invernale  resa elegante dai paesaggi innevati.

Le decorazioni richiameranno la neve e l’intero evento dovrà intonarsi con i colori tipici della montagna d’inverno.

idee-per-decorazioni-matrimonio-dinverno

La location ideale è uno chalet di legno e pietra, o una chiesetta di montagna. Lanterne, bacche rosse e cristalli come decorazioni. Così come le pigne, e tutti gli oggettini in legno che richiamano l’ambiente circostante. Anche il bouquet dovrà essere a tema con lo snow white wedding, quindi largo ancora alle pigne al muschio e alle rose di Natale.
Per l’abito da sposa è indicato un candido abito color neve, e per lo sposo un abito grigio perla con all’ occhiello delle foglie verdi e una rosa di natale che richiama il bouquet della sposa.

mjp_054

Un matrimonio fuori porta va organizzato per tempo.

Basterà seguire dei semplici passaggi per riuscire a realizzarlo facendo collimare tutto alla perfezione:

  • La prima cosa da fare: visto che il Natale è un periodo di Alta stagione, la prima cosa da fare è contattare le strutture alberghiere per accertarsi che abbiano delle camere disponibili ad accogliere voi e i vostri invitati. Quindi anche lo chalet, o qualsiasi altra location, dove vorrete dare luogo al ricevimento di nozze, va prenotata in largo anticipo. Cercate sul web le varie strutture e segnatevi quelle che più vi piacciono.
  • Seconda cosa da fare: prendervi due giorni di vacanza per recarvi personalmente sul luogo e vedere con i vostri occhi le location che avete scelto. Dal vivo riuscirete a prendere la vostra decisione seguendo l’emozione che vi scatenerà solo una di loro. Il viaggio  vi servirà anche per concordare con i proprietari i dettagli del matrimonio: il menù, gli addobbi e l’intero svolgimento della giornata.
  • Altra cosa importante è la scelta dei fornitori, potete decidere se portare i vostri fornitori in loco o se scegliere dei fornitori  locali durante la vostra visita di “perlustrazione”. Questo va deciso considerando il costo economico aggiuntivo nel caso in cui sceglieste di portare con voi dei fornitori che già conoscete nella vostra città di origine, o se ve la sentite di affidarvi a persone a voi “sconosciute”. Per fornitori intendo soprattutto fiorista e Fotografo.
  • Quarto punto, quello dolente: La burocrazia!   
    Sposarsi fuori porta non è facilissimo, dovrete affidarvi a qualcuno che possa garantirvi tutta l’assistenza necessaria per i dettagli relativi alla cerimonia, e ai documenti: quelli da allegare ai permessi di utilizzo della location scelta e della  SIAE per la musica. Ci sono diversi documenti da presentare per un matrimonio, e il fatto che lo stiate organizzando a distanza non facilità le cose, potreste optare per un wedding planner se non potete recarvi spesso, personalmente, sul luogo dove avverranno le nozze.
  • E poi ci sono gli invitati: trattandosi di un matrimonio fuori porta servirà che gli invitati vengano avvertiti con largo anticipo, più del consueto. Dovranno organizzarsi anche loro, il vostro matrimonio li terrà lontani da casa, e dal lavoro, per più di una mezza giornata. Chiedete una gradita risposta in largo anticipo per evitare di prenotare più camere del dovuto, anche se vuote dovreste pagarle comunque. Inoltre informatevi sui collegamenti tra gli aeroporti/stazioni ferroviarie e le strutture alberghiere che intendete scegliere. Spesso gli alberghi stessi forniscono un servizio di transferda e per” gli aeroporti e le stazioni. Anche durante la cerimonia sarebbe meglio se gli invitati potessero spostarsi tutti insieme su un pulmino già preso a noleggio dagli sposi.

L’abito da sposa… come fare per farlo arrivare a destinazione senza stropicciarlo?

66a208e05a650055ff09cf23192d6eda

Sicuramente è sconsigliato spedirlo, usare un porta abiti di plastica o imbarcarlo in stiva! Per non rischiare che si danneggi durante il trasporto dovrete avvolgerlo in un porta abiti traspirante, quello specifico per i vestiti da sposa (chiedete all’atelier di fornirvelo). Se dovrete viaggiare in aereo e l’abito è troppo ingombrante, prenotate un posto in più e piazzateci il vostro abito. Un po’ costoso lo so, ma non potete rischiare che vada perso tra i bagagli o che si rovini durante il viaggio. Dovete tenerlo d’occhio!

Come vedete l’organizzazione di un matrimonio fuori porta è davvero impegnativa, richiede una pianificazione impeccabile e molta fiducia verso le persone che avete scelto come supporto in loco, per sopperire alla vostra distanza geografica dai luoghi dove avverrà la cerimonia. Ma se vi affiderete alle persone giuste tutto vi sembrerà più facile, e vivrete il vostro Snow white Wedding da sogno

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *