Ogni anno sentiamo ai Tg qualche tragedia che riguarda i botti, purtroppo la maggior parte delle volte si tratta di incidenti che coinvolgono i bambini.

Molti comuni oramai, firmano ordinanze che vietano l’uso di botti l’ultimo periodo dell’anno per molteplici motivi. In primis per ridurre il rischio di incidenti, altri per garantire serenità agli anziani, altri ancora per proteggere cani e bambini. Ma c’è chi, non vuole rinunciare a qualche botto fuori in balcone col proprio bambino. Allora come fare? Prima di tutto evitiamo di acquistare fuochi d’artificio o simili da persone non autorizzate, cerchiamo rivenditori con licenza. Seguiamo alcuni accorgimenti, come ad esempio non usare i botti vicino a fonti di calore, e acquistiamo solo botti a “misura di bambino”. Esistono in commercio delle piccole “cipolline” che non hanno bisogno di essere accese con una fiamma, basta buttarle a terra per sentire uno scoppiettio, non fanno forte rumore ed emettono solo una piccola scintilla, i bambini saranno felicissimi e sorpresi! Se però, nella nostra abitazione, oltre ad un bambino c’è anche un neonato cerchiamo di fare più attenzione. Il botto può scatenare uno spavento nel lattantino creando un precedente. È bene avere cura e rispetto dei piccoli ospiti, sopratutto se questi dormono mentre noi festeggiamo. Un bambino dai 5 anni in su apprezza di più un momento del genere perché consapevole di quello che gli accade intorno.

Voglio però darvi alcune alternative ai botti.

Le lanterne cinesi, se a norma,volano in cielo senza creare danni. Sono belle e in commercio ne esistono di tutti i tipi: a orma di cuore, colorate, grandi e piccole.

stelline di capodanno che consentono di realizzare dei giochi di luce senza creare alcun tipo di danno.

spara coriandoli, fanno un piccolo botto al momento dello scoppio e poi via! Miliardi di piccoli pezzettini di carta colorati per la gioia dei nostri bambini.

Con queste alternative avrete un capodanno meno rumoroso certo, ma sicuramente a misura di bambino.

Valentina!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *