Ve lo ricordate Spellacchio, l’abete spennacchiato di Natale che è diventato un caso nazionale?

Spellacchio, l’albero sfortunato di Piazza Venezia è tornato a casa in Val di Fiemme. Si proprio lui, lo stitico abete che ha fatto scalpore e messo sotto i riflettori la Raggi e la politica italiana. Diventerà una casetta per bambini grazie alla Segheria della Magnifica Comunità del paese. Non sappiamo perché Spellacchio abbia avuto questo precoce degrado, fatto sta che tutta l’Italia gli si è affezionata a tal punto di volergli rendere giustizia e dargli una seconda chance.

tag alt

Il tronco dell’abete rosso più famoso del mondo verrà suddiviso in tante assi di legno che, una volta assemblate, diventeranno una bellissima casetta di legno. Struttura che verrà collocata in un parco (non ancora reso noto) della Capitale dove le mamme potranno portare i loro bambini.

La Baby little Home, una volta costruita in Trentino, tornerà nella Capitale e sarà donata all’amministrazione capitolina.

Quale sarà dunque, nei dettagli, l’utilizzo e la funzione di Spellacchio che, risorto dalle sue ceneri come l’araba fenice, diventerà Baby little Home? Da esso si ricaveranno dei gadget simbolo e una casetta in legno come abbiamo già più volte ricordato. La struttura in legno fungerà da piccolo rifugio per consentire alle mamme dei bimbi più piccoli di accudire i propri figli, portati a spasso nel parco. Come? Servendosi di un fasciatoio, una poltrona per l’allattamento e un tavolino da gioco per i piccoli.

legno in val di fiemme
il legno di spellacchio

Un modo concreto questo per far vedere simbolicamente al mondo che Roma, e dunque l’Italia può essere eco sostenibile, e persegue con zelo gli obiettivi riuso, riciclo e recupero di materia. E che la comunità è in grado di ricavare qualcosa di utile alla città senza nessun costo aggiuntivo, secondo il principio di economia circolare.

Pertanto, care mamme, se vi trovate a passare da Roma andate a far visita a Spellacchio. Magari lasciategli una pallina di Natale, può essere che gli manchi! 

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *