E’ stato lanciato in commercio, a livello mondiale, lo smalto per unghie ecobio!

come-recuperare-smalto-denso-2

E’ arrivato il momento di dire davvero STOP ai vecchi e tradizionali smalti tossici! Adesso sono finalmente disponibili degli smalti speciali, atossici, a base d’acqua che non inquinano l’ambiente: lo smalto ecobio!
Essendo degli smalti all’acqua, per toglierlo vi basterà usare, appunto, della semplicissima acqua. Quindi basta all’utilizzo dei solventi, basta ai cattivi odori persistenti del vecchio smalto che noi tutte utilizzavamo per esibire unghie colorate e curate.

Adesso la manicure ecobio è possibile grazie a questi speciali smalti colorati mediante l’utilizzo di polveri minerali vegane. La composizione totalmente priva di metalli chimici, rende la consistenza dello smalto ecobio decisamente diversa da quella degli smalti a cui eravamo abituate; lo smalto ecobio ha una durata meno lunga, massimo tre/quattro giorni e si rovina facilmente soprattutto se veniamo a contatto spesso con l’acqua.

Prima di utilizzare questi nuovi smalti ecobio, dovrete seguire alcuni step fondamentali per garantire una maggiore durata:

  • La giusta preparazione delle mani e delle unghie: prima di applicare uno smalto ecobio dovrete rimuovere ogni traccia dello smalto precedente, dunque premuratevi di lavare le mani e le unghie con un detergente purificante.
  • Se avete utilizzato l’acetone per debellare lo smalto precedente, allora dovrete attendere il giorno seguente prima di applicare lo smalto ecobio.
  • Applicare il giorno prima una crema idratante, aiuterà lo smalto a solidificarsi.
  • Applicate lo smalto una prima volta, dunque una seconda volta per garantire maggiore durata.
  • Come rimuovere lo smalto ecobio: sconsigliati i solventi tradizionali, altrimenti addio alla manicure ecobio! Utilizzate invece un solvente a base d’olio.

Gli smalti ecobio sono disponibili in diverse colorazioni, dunque non vi resta che scegliere il colore adatto al vostro umore e dire addio a solventi e vecchi smalti che inquinano l’ambiente!

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *