La ceretta è dolorosa si sa, ma noi donne siamo delle temerarie e pur di eliminare i peli superflui siamo pronte a tutto. Le bio addicted però, amanti della natura, ci vengono incontro facendoci conoscere queste nuove tecniche bio e meno dolorose a quanto pare. Scopriamole insieme.

La ceretta BLU. Questo tipo di cera ci risulta sia usata solo ad uso professionale e viene adoperata per lo più per le zone più delicate del corpo come ascelle, viso, scollature e zona bikini. Essendo molto delicata, adatta a pelli sensibili e allergiche, qualora i peli siano però duri è difficile utilizzarla dal momento che non li strapperebbe bene alla radice.

La ceretta NERA. Sta diventando una vera e propria mania, tutti vogliono sperimentarla e ognuno parla di ritrovato depilatorio miracoloso. Sarà vero? Pare proprio di sì. Il segreto consiste nell’unire l’efficacia della rimozione dei peli alla consistenza delicata sulla pelle. Inoltre, stendendosi direttamente sull’epidermide anche a temperature non troppo calde, dona sollievo e non provoca quell’antipatico effetto strappo che hanno le strisce tradizionali. Basta attendere 2 minuti e rimuovere la pellicola che si è venuta a creare.

Il risultato? Chi l’ha provata ci ha garantito che non ci sono rossori, peli incarniti, piccole ustioni e taglietti, ma solo pelle liscia più a lungo. E’ un prodotto adatto ad ogni tipo di pelle e di peli, e va bene per qualsiasi parte del corpo. Ed è anallergico. La ceretta nera, meglio conosciuta come black waxing, dunque funziona davvero! Potete prepararla a casa ma potete attualmente acquistarla solo online. La marca più famosa e garantita è la Berodin. Costa un po’ (tipo 50 euro un barattolo di 400 ml) ma se tenete alla vostra pelle, forse vale la pena fare un tentativo, no?!?

La ceretta Araba o Sugaring. E’ la più antica, pare la usasse già Cleopatra. La si può fare anche in casa, basta avere gli ingredienti: zucchero (ingrediente principale), limone, miele, acqua. Perché è consigliata? Perchè usa solo ingredienti naturali, e questo limita il rischio di peli incarniti ed irritazioni. Lo strappo è più delicato e la temperatura è massimo 35 gradi come quella corporea, per cui meno rischio pure per i capillari.

xoxo Marylla

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *