Anche le maschere per il viso si fanno di tendenza: sempre più hi-tech sono le loro applicazioni, con formule e tecniche altamente innovative. Insomma, urge un aggiornamento sulla posa di questi cosmetici.

Trattine care, cambiate le vostre abitudini e dimenticatevi le classiche maschere d’argilla che, attenzione, non sono fuori dal mercato o estranee alle tendenze, più che altro pure loro hanno risentito del flusso innovativo, proponendosi in nuove e varie formule. Le ultime nate, infatti, vantano una glanulometria più fine quindi risultano ancora più efficaci. Sempre adatte a pelli miste o grasse, sono preziose per chi vive in zone con alto tasso d’inquinamento, perché riescono a rimuovere anche le polveri dei metalli più pesanti.

Le novità più rivoluzionarie nel campo sono di origine orientale, ed in particolare nipponiche o coreane. Ebbene sì, le maschere per il viso voltano pagina e diventano sempre più tecnologiche. Alcune  ad esempio si applicano mediante una piastra sagomata, che attiva led a luce fredda e, a seconda della lunghezza d’onda, ha colore ed effetti diversi. Venti minuti di seduta.

La novità più hi-tech è senza ombra di dubbio la maschera attivata dal cellulare. In pratica, si prende un foglio sagomato in hydrogel, si mette sul viso e poi si collega con dei cavetti ad elettrodi monouso al cellulare. Il trattamento si chiama Play skin e costa 90 euro per dieci minuti di applicazione. L’app per scaricare il programma è gratis.

Altra novità è rappresentata dalle maschere auree, ovvero una maschera a foglia oro 24 carati che copre tutto il viso ad eccezione del contorno occhi. Nuove pure le maschere magnetiche che sono caratterizzate dalla presenza di un’alta percentuale di polveri di ferro e attivate da particelle magnetiche.

Insomma ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le esigenze.

E ancora, skincare a base di carbone, che è il più antico dei purificanti naturali; trattamenti viso con alghe marine, sleep pack, mask sheet, bubble mask, al vino, all’oro, all’avocado. Le più amate dalle star sono le sheet mask, ovvero le maschere sagomate in stoffa o carta imbibite di sieri e sostanze attive altamente concentrati da applicare direttamente sul volto.

Ultima novità le micro-mask, ovvero pezzetti di maschera adesivi a forma di petali di rosa da applicare solo sulla parte da trattare, dal momento che non tutti voglio trattare l’intero viso.

E voi, che maschere preferite? Sperimentate e poi fateci sapere.

xoxo Marylla

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *