Buongiorno ragazze,

questa settimana vi aiuterò a conoscere la pelle grassa.

E’ un inestetismo contro il quale in molti lottano e, diciamola tutta, si fa fatica a risolvere.

La pelle grassa si presenta unta, lucida e ha molti comedoni (punti neri). Anche qui, come per la pelle secca, possiamo riconoscere due tipologie di pelle grassa:

PELLE GRASSA A SEBORREA SECCA: (meglio conosciuta come pelle asfittica): in superficie appare secca con tanto di cellule di sfaldamento, ma in profondità è grassa.

PELLE GRASSA A SEBORREA OLEOSA: nessun inganno, la pelle appare grassa anche in superficie.

Le cause della pelle grassa sono: fattori ormonali, genetico costituzionali, alimentazione scorretta, utilizzo di cosmetici inadatti.

Per poter risolvere il “problema” bisogna utilizzare dei prodotti sebo normalizzanti che contengano limone, arancio, salvia, lavanda, rosmarino, ecc. Il grasso che presenta, infatti, non è altro che sebo in eccesso. Bisogna dunque normalizzarne la produzione.

Inoltre sono molto utili anche i prodotti lenitivi calmanti, ovvero quelli contenenti camomilla, hamamelis, miele e derivati, fiordaliso, ecc.

Infine ci sono degli acidi che possono essere di grande aiuto, sto parlando degli alfa idrossiacidi o, per meglio dire, degli acidi della frutta. Tra questi vi sono: l’acido malico (della mela), l’acido tartarico (dell’uva), l’acido glicolico (della canna da zucchero) e l’acido citrico (degli agrumi). Sono molto utili per i soggetti con la pelle grassa, in quanto aiutano la fuoriuscita del sebo dal follicolo, evitando la produzione di foruncoli o comedoni. C’è da prendere in considerazione anche l’acido salicilico, utile per la liberazione del contenuto sebaceo nei comedoni.

Per ciò che riguarda l’alimentazione, invece, vige la regola del mangiare cibi ricchi di vitamine e sali minerali (frutta e verdura di stagione), bere molta acqua ed evitare cibi grassi come fritti, insaccati e dolci.

Nella speranza di avervi chiarito le idee, vi do appuntamento alla prossima settimana!

Laura Cassito

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *