Trattine mie care, oggi vedremo insieme come preparare dei profumi homemade. Comodamente stando a casa vostra, senza particolari lauree o specializzazioni, senza occhiali da Archimede, senza ricette segrete da speziale o da strega disney.

Preparare i profumi è davvero semplice. Molto di più di quanto pensiate. Basta avere delle semplici qualità: volontà, estro creativo, olfatto. E poi vi occorrono gli ingredienti naturalmente, anche questi meno complicate di quanto possiate immaginare. Innanzitutto servono gli oli essenziali (o anche le fragranze cosmetiche); poi potete aggiungere, per dei profumi prettamente bio, solo l’acqua distillata. Se invece volete creare i profumi classici allora vi occorrerà dell’alcool alimentare.

Prima di cominciare con le ricette, è importante che voi sappiate qualcosa di più sugli oli essenziali. Gli oli essenziali si dividono, in base alla loro persistenza e volatilità, in: note di testa, di cuore e di fondo. Le prime sono quelle che arrivano in pole position alle nostre narici, ma anche quelle che dopo un’ora vanno via lasciando il posto alle altre note; sono frizzanti e fresche, e hanno una fragranza agrumata. Le seconde, a differenza delle prime, durano parecchio e si sentono solo dopo che le note di testa hanno abbandonato il campo; di solito gli oli essenziali floreali sono note di cuore. Le ultime, sono le più persistenti, entrano proprio sottopelle, come le resine e i legni.

E’ necessario sapere queste cose per comporre un profumo valido, e vi dico anche che la proporzione standard degli oli essenziali è: 3 note di testa 2 note di cuore ed 1 nota di fondo. Ovviamente non è sempre necessario seguirlo alla lettera.

Un’ultima accortezza prima di cominciare con la preparazione: procuratevi una bottiglietta. Meglio se scura con tappo, meglio ancora se ha il contagocce. Potete anche usare una boccetta di un vecchio profumo vuota, però, lavata e asciugata, meglio ancora se sterilizzata. O anche un mini contenitore spray da borsetta.

Cominciamo?!? Siii?!? Ecco alcune ricette che ho scovato per voi.

Profumi bio, senza alcool 

Ingredienti:

60 ml di olio di mandorle, (oppure di jojoba o cocco)
30 ml di acqua distillata
6 gocce di olio essenziale di essenze miste o di una preferita
Preparazione. Mettete in un recipiente mettete i 60 ml di olio e unite le 6 gocce dell’olio essenziale; mescolate per bene e versate poi il composto ottenuto nella boccetta di vetro scuro. Agitate per amalgamare tra loro gli oli, chiudete e lasciate a riposare per almeno una settimana in un luogo fresco e buio ricordando di agitare una volta al giorno. Passata la prima settimana, unite al liquido l’acqua distillata, quindi procedete alla prova olfattiva, se il profumo non è sufficientemente intenso potete aggiungere ancora alcune gocce di olio essenziale, mescolando ancora per bene.

Acqua di colonia senz’alcool

Ingredienti:

50 ml di acqua distillata
50 ml di vodka
2-3 gocce di olio essenziale preferito
Preparazione. Nella bottiglia di vetro, magari aiutandovi con un imbuto, mettete prima la vodka, poi l’acqua distillata, ed infine le gocce di olio essenziale. Controllate che la bottiglia sia chiusa bene, agitate il composto e conservatelo in un luogo buio e fresco per una settimana, agitando una volta al giorno. Poi sentite e se occorre aggiungete qualche altra goccia di olio essenziale. Cosa importante: ricordatevi sempre delle note.

In questo modo, potete avere tante combinazioni di fragranze, trovando quella che più si confà alla vostra persona.

Se volete creare invece un profumo a base alcoolica, allora dovete versare 15-20 gocce di oli essenziali in 9,5 g di alcool alimentare. Per fissare la profumazione potete sostituire 0,5 g di alcool con 0,5 g di glicerina. Fate poi riposare il tutto per almeno una settimana prima dell’utilizzo. Ah ricordatevi la boccetta!

E’ mio dovere dirvi che i profumieri botanici sconsigliano di usare vodka o acqua distillata al posto dell’alcool; dicono che gli oli essenziali rischiano di non amalgamarsi bene. Se proprio non vi piace l’idea di usare l’alcool alimentare allora meglio usare degli oli come quello di mandorla.

Visto come è facile diventare degli artigiani profumieri?

Alla prossima trattine!

xoxo Marylla

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *