Trattine mie care, eccoci di nuovo ad un altro appuntamento con la moda. Oggi parliamo di CINTURE, del loro ritorno trionfale fra gli accessori cult di questa primavera estate 2017. Parleremo anche di come, dove e quando indossarle, e di ogni forma, colore e tessuto in cui l’hanno proposta le maison che fanno tendenza.

Mettendo da parte le cinture di castità, e quelle dal significato simbolico attribuitegli da ordini religiosi, militari o civili, le cinture di cui parleremo oggi sono ovviamente quelle in uso nei tempi odierni, ovvero icone di stile, che cambiano a seconda del trend del momento, ma che sono sempre presenti, anche se d’effetto vintage, in ogni guardaroba che si rispetti, non solo per utilità pratica (stringere i pantaloni larghi che potremmo perdere per strada!), ma soprattutto sono presenti in quanto accessorio glamour ed indispensabile.

Anche la cintura, come gli altri accessori di cui abbiamo parlato nei nostri articoli precedenti (occhiali da sole, gioielli e bijoux), rispecchiano le tendenze modaiole che gli stilisti hanno espresso nelle varie fashion week. Pertanto ci ritroveremo ad avere a che fare con maxi cinture  anni ’80 (la classica forma over, il vero cult del momento), mini cinture, cinture con grandi e vistose applicazioni, cinture medie o lunghe che emulano le corde adoperate negli stili etnici.

Per quanto riguarda i tessuti, non mancano i metallici, gli animalier (nelle stampe tigrate e tartarugate), quelle completamente in pelle o vin pelle o simil pelle, o in tessuti techno.

I colori? Si passa dal total black, al dorato, all’argentato metallico, al marrone, al bianco, al muticolor.

Come vanno indossate? Sicuramente per risaltare il punto vita, quindi su pantaloni a vita alta (il trend del momento), su abitini succinti, su abiti da sera, abiti da cocktail, su vestiti più da pret a porter, gonne, minigonne, sui pantaloncini. Possibilmente vanno girate le maxi cinture intorno al punto vita in modo da restringerlo il più possibile, per riportare in auge – ovviamente per chi può permetterselo – vitini da vespa anni ’50.

xoxo Marylla

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *