“Prova ad amarmi ancora” è un romanzo unico e irripetibile che apre la mente come un melograno sbriciola i suoi chicchi. Una vera e propria saga sulle vicende di una famiglia complessa e intrigante. Una trma che lascia basiti e che può sconvolgere anche i più anticonformisti, facendo vacillare le basi più solide su cui si fondano i nostri credo.

image2Con una scrittura coinvolgente e provocante, torna la scrittrice di culto che ha scalato le classifiche di vendita riaccendendo i sogni proibiti dei lettori italiani. Sylvia Kant, n. 1 nei romanzi vietati ai minori e autrice del bestseller “Prova ad amarmi”, torna a parlarci di “Anima nera” e della sua Angela, in un modo che non ci si aspetta.

SINOSSI

Antony Barker è attraente e tenebroso, sesso e perversione si incarnano in quest’uomo dall’anima di ghiaccio e dallo sguardo magnetico. Angela Palmieri viene da Roma, è timida e troppo lontana dal suo mondo per poterne fare parte. L’incontro con Antony la segna sia nell’anima che nel corpo, perché lui non è un uomo qualunque e gli oscuri segreti che custodisce sconvolgono Angela nel profondo, fino a costringerla ad allontanarsi, ma, ovviamente, non è così facile liberarsi del ricordo di Antony… In un susseguirsi di colpi di scena, intrighi e rivelazioni, Angela imparerà a conoscere meglio se stessa, i suoi desideri e il suo passato, ma soprattutto quello del suo amato uomo dall’anima nera…

RECENSIONE

Se “Prova ad amarmi” vi aveva già sconvolto, “Prova ad amarmi ancora” vi lascerà letteralmente senza parole, e vi stamperà in faccia quell’espressione di sorpresa talmente loquace che pare dire: “ma che davvero?!?”. Che vi piaccia oppure no, alla fine saremo tutti d’accordo almeno su questo punto.

Non è un romanzo semplice da leggere né alla portata di chiunque né tanto meno potete bearvene in spiaggia o in posti affollati se volete evitare il rischio di essere osservati mentre venite a contatto con le vicende narrate, perché la penna di Sylvia Kant vi entrerà dentro come un aerografo per tatuaggi, nessuno ha scampo alle sensazioni di caldo, freddo, panico, estasi passionale, paura, compassione, disgusto, amore. Vi consiglio vivamente di chiudervi in un posto che amate e di gettare la chiave, tanto non vi schioderete da quelle pagine fino a quando non sarete arrivate all’ultima frase.

E’ una storia che va gustata e capita, bisogna leggere fra le righe di questo complesso triangolo delle Bermuda, dove sesso, soldi e potere, generano un mulinello che risucchia al suo interno tutto ciò che le si avvicina. E’ questa la vera chiave di volta, a voi però il compito di scovare quella giusta che apre tutte le porte dell’enigma.

{"total_effects_actions":0,"total_draw_time":0,"layers_used":0,"effects_tried":0,"total_draw_actions":0,"total_editor_actions":{"border":0,"frame":0,"mask":0,"lensflare":0,"clipart":0,"text":9,"square_fit":0,"shape_mask":0,"callout":0},"effects_applied":0,"uid":"E2655F0B-861A-45D8-A954-CF752F36C2F4_1467820365198","width":2592,"photos_added":0,"total_effects_time":0,"tools_used":{"tilt_shift":0,"resize":0,"adjust":0,"curves":0,"motion":0,"perspective":0,"clone":0,"crop":0,"enhance":0,"selection":0,"free_crop":0,"flip_rotate":0,"shape_crop":0,"stretch":0},"source":"editor","origin":"gallery","height":1944,"subsource":"done_button","total_editor_time":1081375,"brushes_used":0}

Non aspettatevi la solita storia d’amore scontata, dove ci si redime e si dà il via a quel finale disneyano in cui il principe bacia la sua principessa e tutto splende in un battibaleno. Non pensate nemmeno lontanamente di ritrovarvi con Antony alle prese con pappe Milupa e pannolini sole-luna. Non si trasformerà in un papà plasmoniano, né nel maritino che guarda la tv e rutta sul divano. Scordatevelo proprio. E nemmeno immaginate Angela in versione mogliettina che fa la calzetta. Quest’ultima dimostrerà di essere una donna forte e tenace, ben tetragona ai colpi di ventura. Una femmina con la F maiuscola, un personaggio multitasking come il suo Antony.

Spogliatevi di ogni pregiudizio e rivestitevi con una mente aperta a 360 gradi, se davvero volete leggere questo romanzo. Vi garantisco che sarete messi a dura prova, esattamente come i protagonisti di “Prova ad amarmi ancora”. Ogni sentimento, credo, convinzione, certezza, tutto vacillerà come due piedi a prova di sisma, ma proprio come i movimenti tellurici ritroveranno un posto nel mondo, seppur non quello agognato, ma comunque un equilibrio più stabile e rafforzato.

image1 (3)Più ci si addentra fra le pagine più ci si perde nei meandri di una foresta pluviale in cui non si sa se sei preda o cacciatore, se ci si è persi o se è quella la strada da percorrere. Non ci sono indicazioni, non esistono mappe o segnali alcuni. L’unico tom tom è il cuore. Se lo leggete con il cuore, seguendone i battiti, le palpitazione e anche le aritmie, vi si aprirà un mondo indefinito ma meraviglioso, in cui i paesaggi si mescolano come le note di una suite orchestrale, prima forte, poi pianissimo, poi adagio, poi con fughe, e poi lo spartito inizia a scombinare le chiavi di violino e i bemolle per una nuova melodia impetuosa e per niente rassicurante. Le note sono sempre le stesse solo musicate con un rimo differente. Esattamente come fa la vita, che ha già dipinto per noi il quadro della situazione personale. Adopera sempre i medesimi colori, ma le combinazioni che ci dona singolarmente modificano il nostro vissuto. Se usate il muscolo pulsante, dunque, potrete ritrovare tra le pieghe di una vicenda così contrita come quella di Angela e Antony, anche una vena di romanticismo e di amore puro.

Mai come leggendo questo romanzo, si ha la sensazione che tutto sia ineluttabile, che qualunque strada si percorra c’è sempre una meta da raggiungere. Sliding doors che si aprono e si chiudono a velocità metropolitana. Per fortuna el corazon è più sapiente di qualsiasi piano fatalista e riesce ad imboccare la strada giusta.

Dire che questo romanzo mi sia piaciuto è dire poco. Mai scontato, mai banale, tutto studiato e calcolato con l’attenzione dei monaci certosini. Il mio plauso con standing ovation va a Sylvia Kant, perché sa come stupire e farci camminare su fili di rasoi, grazie per averci regalato questa storia stupefacente. Il mio inchino a Newton Compton e Raffaello Avanzini per aver fiutato il talento. Il mio grazie speciale ad Antonella Sarandrea e Simona Del Pinto per avermi permesso di leggere in anteprima dell’ineguagliabile anima nera.

#saluti e baci

Marianna

13244872_278503879151039_7692919659396933458_n

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *