“Il sentiero degli alberi di limone” è il nuovo romanzo di Nadia Marks. Noi abbiamo avuto il piacere di leggerlo in anteprima. Potete trovare la recensione del libro edito Newton Compton cliccando qui

Il libro di Nadia Marks è un viaggio emozionante che ci permette di passare da una storia all’altra facendoci appassionare ad ognuna di loro. Sono tutte storie emozionanti, tutte degne di essere conosciute, e in tutte è possibile immedesimarci nei personaggi. Probabilmente tutto questo è stato reso possibile grazie alla Marks e alla sua scrittura. Per quanto semplice, arriva al cuore di chi legge.

Oggi ho scelto per voi un’estratto che rappresenta un solo sentimento, ma visto da prospettive diverse: l’amore.

L’amore per un figlio e l’amore per un uomo. Il tutto si lascia avvolgere da un sentimento di paura, un sentimento di angoscia, poiché le donne che lo guardano partire temono il suo non ritorno. E lasciare andare qualcuno che amiamo è sempre difficile, logorante.

E fu così che, in una frizzante giornata d’inverno del 1936, l’intera famiglia e la maggior parte del paese si riunirono sul lungomare per vedere Alexis salire su una barca diretta al porto ateniese del Pireo, in cerca di una nuova vita: una vita nella quale sperava di poter stare con la ragazza che amava più della sua famiglia o dell’isola su cui era nato.
Tutti gli altri, incluso suo padre, pensavano che Alexis avesse deciso di andare a cercare fama e fortuna all’estero – una pratica abbastanza comune per i giovani dell’isola – per poi tornare all’ovile dopo qualche anno, più vecchio e più ricco.
Le sole persone che conoscevano la vera ragione di quella partenza erano Ourania, Kalliopi e Aphrodite, che, con la pena nel cuore e un segreto che si sarebbe portata nella tomba, dovette dire addio al suo unico figlio, l’amore della sua vita, luce e gioia del suo universo.
Tutti quanti, a turno, lo salutarono, augurandogli di tornare presto e, quando toccò a sua madre, Alexis la strinse forte tra le braccia, la baciò tre volte sulla fronte e le chiese di badare a se stessa e a suo padre, promettendole che si sarebbe preso cura di sé. Il suo giovane cuore era troppo entusiasta e pieno di aspettative anche solo per pensare che quella poteva forse essere l’ultima volta che l’abbracciava. Famiglia e paese rimasero sul molo a sventolare i fazzoletti bianchi e ad augurargli buon viaggio, mentre guardavano la barca scivolare piano nell’Egeo. Uniti nella loro perdita Aphrodite e Ourania restarono immobili fianco a fianco, ognuno con il proprio dolore. Ma se il cuore della giovane donna era pieno di speranza, quello di Aphrodite si stava infrangendo in un milione di pezzi, consapevole che avrebbe potuto non rivedere mai più l’amato figlio.

 “Passo a Passo con la musicoterapia.”

 

Voce Narrante: Alessia Di Maria.
Canzone di sottofondo:  Sorry – Halsey.
Videomaker: Cinzia La Commare.

Se volete seguire le tappe del Blog Tour date un’occhiata al calendario.

Linda. 

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *