Oggi vi portiamo in un posto lontano, freddo e incantato. Fatto di musica e inganni e sacrificio e amore…

Come avrete intuito, sono reduce dalla lettura di Wintersong che potrete trovare in libreria da oggi. Prima di passare alla mia recensione, eccovi qualche informazione: 

Titolo: Wintersong
Autore: S. Jae-Jones
Genere: Fantasy
Data di pubblicazione: 26 ottobre 2017
Editore: Newton Compton
Link d’acquisto: Amazon

Trama: 

Un labirinto di bellezza e oscurità, musica e magia. Questo è il mondo in cui ti perderai.

È l’ultima notte dell’anno. Ora che si sta avvicinando l’inverno, il Re dei Goblin sta per partire alla ricerca della sua sposa… Per tutta la vita, Liesl ha sentito infiniti racconti sul bellissimo e pericoloso Re dei Goblin. È cresciuta insieme a quelle leggende che hanno popolato la sua immaginazione e ispirato le sue composizioni musicali. Adesso è diventata grande, ha ormai diciotto anni, lavora nella locanda di famiglia e sente che tutti i sogni e le fantasticherie le stanno scivolando via dalle mani, come tanti minuscoli granelli di sabbia. Ma quando sua sorella viene rapita dal Re dei Goblin, Liesl non ha altra scelta che mettersi in viaggio per tentare di salvarla. E così si ritrova catapultata in un mondo sconosciuto, strano e affascinante, costretta ad affrontare una decisione fatale. Ricco di musica e magia, personaggi straordinari e storie avvincenti e romantiche, Wintersong di S. Jae-Jones trasporta il lettore in un mondo indimenticabile.

Un esordio fantastico
Un labirinto di emozioni
Un mondo da cui non vorresti uscire mai più

Recensione: 

Come ho detto in diverse occasioni, io non amo molto il fantasy. Difficilmente riesco a farmi prendere da una storia che parla di mondi fantastici e di incantesimi, eppure Wintersong aveva attirato la mia attenzione fin dalla trama e la lettura è stata tutto fuorché deludente. Inizialmente, prima di intraprendere la lettura,  mi chiedevo che cosa ne sarebbe stato della sorella di Liesl, sarebbe riuscita a salvarla? Ho iniziato a leggere per curiosità convinta che alla fine avrei storto il naso come sempre, o che mi sarei ritrovata davanti a pagine nuove che ricordavano la vecchia e celebre storia di Beauty and the Beast. 

Effettivamente, in superficie, qualcosa, forse la rosa nella copertina, il rapimento della sorella, ricorda effettivamente la favola che tutti conosciamo. Tuttavia vi assicuro che Wintersong è un mondo a sé, è una storia del tutto differente e capace di coinvolgere il lettore più scettico. La narrazione è incalzante, accenna, approfondisce e ti lascia in bilico con capitoli che terminano in colpi di scena.

Sogno o realtà? Non puoi fare altro che chiedertelo

Si confondono e si intrecciano spesso, pur non correndo il rischio che il lettore possa a un certo punto non raccapezzarsi. La cronologia degli eventi è sempre molto chiara e quando Liesl finisce nel Sottosuolo, ti porta con sé. Anche tu piombi nel mondo affascinante e ingannevole del Re dei Goblin e come lei, per certi versi, ne sei attratto e al contempo spaventato.

Per Liesl fuggire è il primo istinto. Vorrebbe soltanto poter salvare sua sorella, prendersene cura come fa da sempre, e tornare nel mondo di sopra. Ma così sarebbe troppo semplice, non trovate? C’è un nemico da affrontare, i suoi trucchi da scoprire, round da vincere.  E chi può essere il nemico più temibile se non colui che per lungo tempo ti è stato amico?

Il Re dei Goblin conosce Liesl, sa cose di lei che altri non sospettano neppure. Lui la vede! Vede la sua anima, la brama, desidera il calore della brace che Liesl custodisce dentro di sé. Ne ha bisogno, ma perché? 
Perché il Re dei Goblin conosce tutte queste cose di lei? Lui è solo una leggenda, non esiste davvero. E’ così che la pensa la protagonista divenuta adulta, ma c’è stato un tempo in cui lei credeva. Era una bambina e a quel tempo ha iniziato un gioco…

Chi non ha mai smesso di credere alla leggenda è Costanze, sua nonna. La donna che le riempie da sempre la testa di storie di mondi diversi, paurosi, e di perdizione. “Bisogna stare attenti a ciò che si desidera”, ricorda alla nipote. 

Arriva l’inverno, l’anno è finito, e come spesso aveva sentito dire da sua nonna, Liesl scopre che il varco tra la realtà e il Sottosuolo è divenuto oltrepassabile. E’ in quel momento che Kathe, sua sorella, viene rapita, che sparisce oltre la Radura della Foresta dei Goblin costringendo Liesl a tornare a giocare con il Re dei Goblin. 

E se Liesl, a un certo punto, si ritrovasse a desiderare di rimanere nel Sottosuolo?

Lì la percezione della verità è differente, è capace di cambiare la percezione che hai di te, ma ogni cosa che vedi può essere un inganno, perfino ciò che provi. Cosa potrebbe mai convincere una fanciulla a rimanere in un mondo freddo e che profuma di morte, se non lui? L’affascinante Re dei Goblin  con i suoi occhi bicolore e la pelle argentea, che se inizia a giocare lo fa per sempre e tu non puoi sottrarti. Puoi solo scegliere a cosa vuoi rinunciare, se tentare di vincere, o arrenderti e perdere. Ma può esistere davvero una vittoria se hai come avversario il Signore degli Inganni?

E cosa ti chiederà in cambio? Qual è la posta in gioco? 

Sta a voi scoprirlo! 

Questo è un bel libro che pur descrivendo mondi fantasiosi, rende protagonisti sentimenti reali d’amore e d’amicizia. Di fiducia, di fratellanza e di rinunce. E voi non potete perdere l’occasione di scivolare tra le pagine magiche di Wintersong!  

 

 

 

 

  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

One Comment on “Review Party: “Wintersong” di S. Jae-Jones”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *