Buon pomeriggio trattine! Oggi vi parlerò di un romanzo della PINK Edizioni, “Amami come sono” di Giulia Faggi. Un romanzo toccante e pungente sulle etichette della natura umana.

Titolo: Amami come sono

Autore: Giulia Faggi

Genere: Narrativa

Editore: Pink Edizioni

Ebook 2.99

Link d’acquisto: Amazon

SINOSSI

Mi troncò le parole in bocca: «Non dire più nulla. Ho sbagliato!» e mi prese una mano portandosela alle labbra. «Ho sbagliato io».
Quel gesto di tenerezza mi aveva ridato il respiro ma non mi liberava dal dubbio. 

L’amore non ha regole e non ha schemi.
Una delicatissima storia d’amore ricca di sentimenti intimi e potenti.
Una coppia di innamorati. Tra di loro una notevole differenza d’età.
Il lettore viene trasportato in un tempo assoluto; avvolto in un’atmosfera gentile, serena, variopinta, gaia, carica di rispetto e di libertà. Un romanzo che ci fa sognare e riflettere.
Perché anche in una goccia d’acqua può esserci il mare.

RECENSIONE

Che cosa significa maschio o femmina, omosessuale o eterosessuale se dobbiamo giudicare la sensibilità e il valore di una persona? Nessuno di noi ha un’identità esclusivamente maschile o femminile, non c’è mai una netta separazione!”.

Il romanzo del sociologo Giulia Faggi ruota intorno a questa considerazione. L’autore infatti ritiene che siamo per lo più un genere neutro quando si parla di sentimenti, non esistono differenze schematiche dettate da convenzioni sociali ma solo un anima che incontra un’altra anima a se affine. Non esiste il binomio eterosessuale uomo/donna od omosessuale uomo/uomo donna/donna, più semplicemente invece persona/persona, ovvero la conseguenza naturale di ciò che ci rende umani e simili, con sentimenti e pensieri.

L’autore, con grande maestria, riesce a tenere neutro il/la protagonista del romanzo, senza rivelare mai il suo nome, senza mai attribuirgli un aspetto fisico o l’appartenenza ad un genere, permettendo al lettore di immaginarlo come meglio ritiene, e a fargli capire in sostanza che, non ha importanza l’anatomia o il volto del personaggio principale, quanto piuttosto vivere liberamente i propri sentimenti e la propria natura senza alcuna paura di esser messo alla gogna, anzi fregandosene altamente del giudizio altrui. Perchè il giudizio altrui è e deve restare un problema di chi giudica non di chi viene giudicato.

In sostanza, bisogna sempre essere autentici, costruendo la propria personalità in base alle nostre inclinazioni e ai nostri desideri, senza rispecchiarci nel prossimo e senza lasciarci condizionare dalle scelte altrui, perchè solo così si possono fare scelte autonome ed essere veramente se stessi.

E che due rette parallele si possono benissimo incontrare a dispetto di Euclide: se vogliono fare una scelta autentica possono tranquillamente fregarsene dell’assioma euclideo!”

Leggete questo romanzo, non vi pentirete. Dalla accorata digressione di consigli dell’autore, dalla trama veramente ben congegnata e scolpita, dalla narrazione attenta e colta, apprenderete molto.

xoxo Marylla

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *