Capitolo finale della meravigliosa storia d’amore fra Amir e Lena. Potrà l’amore sopravvivere agli inganni del Settore Zero?

Titolo: Ancora Accanto a me
Autore: Marilena Barbagallo
Genere: Dark/ Erotico/ Suspense
Editore: Newton Compton
Data di pubblicazione: 27 agosto 2018
Link d’acquisto: QUI
Trama: La vera passione è nascosta nei luoghi più oscuri
Tutto era iniziato con manette, prigionia, digiuno e sangue. Adesso, per Lena Morozov, costretta a diventare una spia, non c’è un nuovo inizio, ma una fine. È in un letto, ma non ha le manette ai polsi. È oppressa, ma non dall’oscurità che aveva imparato ad amare. La sensazione che prova adesso è ancora peggiore: sa di tradimento. Intorno alla sua pelle, altra pelle si stringe in una morsa di possesso. Sulla sua bocca, altre labbra respirano. Pochi secondi per capire, un battito di ciglia per inalare un odore diverso. Non è Amir. Non è il suo Maestro. Adesso Lena deve mettere in pratica l’arte della finzione, Amir la controllerà da lontano. Non intende essere il suo angelo custode, lui vuole essere la sua ombra. Per Lena, scoprire di far parte di un mondo tanto perverso quanto crudele sarà insostenibile; per Amir, inaccettabile. Al Settore Zero poco importa: Lena per loro è solo un prodotto da disattivare quando non servirà più. A quel punto, ad Amir non basterà essere un’ombra, tanto meno un angelo. Dovrà tenerla lontano da sé, pur volendo rimanere accanto a lei, ancora.
Una storia cruda, carnale, in cui gli amanti non si baciano, si divorano.

Recensione

Ci sono storie d’amore che ti rimangono attaccate addosso, che si incollano ai pensieri e non ti lasciano andare. Quelle sono le storie a cui ripensi dopo averle terminate, quelle che ti fanno battere il cuore e i cui personaggi, lo sai, ti rimarranno nella mente per un bel po’.
Ecco, questo è ciò che mi è successo con Ancora accanto a me di Marilena Barbagallo.

Amir e Lena sono due dei personaggi più complicati di cui io abbia mai letto. È palese fin dalle prime pagine del primo volume di questa dilogia, Uno sconosciuto accanto a me, che questi due si amano di un amore forte, deciso, quasi violento, ma il problema è che il nostro principe non vuole cedere a questo sentimento, o meglio, cede ma non vuole che gli altri se ne rendano conto, e con altri intendo anche Lena, che poveretta, fa di tutto per fargli capire che amare non è debolezza.
Ma partiamo dall’inizio… Vi ricordate dov’eravamo rimaste?

Lena si annulla.
Non esistono più il batticuore, l’ansia. Io. Sono. Una. Spia.

Lena si trova a casa Conte, durante la prima notte nella nuova casa e sotto le mentite spoglie della sua sorella gemella Sasha, fa la conoscenza con Farid.
Eh sì, Farid! Avete letto bene! Ora, immagino, che come me, non appena leggerete il nome farete mente locale e capirete che sì, si tratta del migliore amico e compagno d’armi di Amir.
Qui iniziano i problemi per Lena, perché si rende conto che dovrà cedere e concedere almeno qualche bacio a Farid, perché altrimenti il ragazzo potrebbe dire ai suoi famigliari che non è chi finge di essere.

E lei non può essere scoperta, non adesso che sta imparando a conoscere i suoi fratelli.

Dante, Russell e Dorian sono bellissimi. Bei personaggi, belle storie personali di cui veniamo a conoscenza grazie a Lena che investiga. Tre storie diverse: un uomo che ha perso tutto e cerca un modo per rinascere; un uomo che sta soffrendo perché non può avere quello che desidera davvero; un ragazzino che sembra l’unico “normale” della famiglia ma che per me nasconde molto di più degli altri.
Lena rimane affascinata da loro e come lei anche io. Marilena, please, regalaci romanzi anche su di loro: io necessito di sapere!
La storia prosegue e per sfortuna di Lena, Farid, come del resto Amir, riconoscerebbe la sua dolce metà fra mille donne ed è proprio quello che succede.
Tutto precipita.

“Farid”
“È possibile corrompere tutti gli uomini di questo mondo, ma non è possibile corrompere un uomo innamorato. Io conosco ogni centimetro della pelle di Sasha e la tua pelle non è quella della mia Sasha”.

Ora, come evolveranno le cose?
Riuscirà Amir a salvare Lena?
Farid ritroverà la sua Sasha?
Lena riuscirà a portare a termine la sua missione e a tornare alla sua vita?
Cosa vuole davvero il Settore 0 da tutti loro?

Vorreste saperlo eh? Ma per quale motivo dovrei dirvelo se esiste un modo migliore per scoprirlo, ovvero leggere le pagine meravigliosamente scritte da Marilena Barbagallo?

Il suo stile, la sua storia, la bellezza dei momenti di passione rubata: tutto vi inviterà a continuare a leggere, e lo farete, sempre più velocemente perché l’unica cosa che vi importerà è finire il romanzo per capire, per scoprire se i nostri due protagonisti ce la faranno, se l’amore alla fine vincerà su tutto e tutti.
Ancora accanto a me è una promessa, un bicchiere di vetro che tende a distruggersi, a finire in mille pezzi alla fine di ogni capitolo, perché è Amir che ha tutto fra le mani stavolta.
Deciderà di accettare, di accettarsi, o lascerà Lena libera di rifarsi una vita?
Ecco, lasciandovi una delle mie frasi preferite, vi invito a leggere questo romanzo e quello che lo precede, perché non potete perdervi una tale perla, anzi, un romanzo che è bello tanto quasi una rosa del deserto.

Mesi, giorni, ore, notti passate a desiderare di stringerla e ora posso e lo faccio.
L’abbraccio forte, le bacio il collo, poi il mento e quando raggiungo la sua bocca, mi sembra di non averla mai persa. È come se fosse sempre stata addosso come una seconda pelle.
Ogni molecola di Amir è fatta di particelle di Lena.

Ma, devo ammettere che il mio momento preferito però rimarrà per sempre questo, perché sono scoppiata a ridere e mi sono detta: cavolo, ha fatto quello che tutte le chiedevamo!

“Andresti molto d’accordo con Krum, è una testa calda come te”
“Chi diavolo è Krum?”
“Uno dei miei personaggi”
“Tu parli con i tuoi personaggi?”
“Continuamente”

Mitica autocitazione! Chapeau! Ora, mentre corro da Marilena a chiedere quando, anzi se, scriverà sui fratelli Conte, voi correte a conoscere la fine di questa epica e bellissima storia d’amore, di guerra e di lealtà.

Gioia De Bonis

  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

2 Comments on “Recensione: “Ancora accanto a me” di Marilena Barbagallo edito Newton Compton”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *