Buon pomeriggio lettori, 

Domani, 17 Gennaio, il nuovo romanzo di Viviana Leo, “Questo piccolo grande errore”, sarà online nella versione ebook. Dal 19 Gennaio, invece, troverete il cartaceo in tutte le librerie. 

Grazie alla preziosa collaborazione con la CE “Newton Compton”, ho avuto la possibilità di poter leggere in anteprima questo nuovo lavoro di Viviana Leo, una scrittrice italiana tra le mie preferite, come avrete già intuito dagli articoli precedenti.

Partiamo dalla presentazione di “Questo piccolo grande errore”: 

Autrice: Viviana Leo.
Titolo: Questo piccolo grande errore 
Genere: Romanzo rosa
Editore: Newton Compton
Formato: Ebook e Cartaceo 
Data di uscita: 17/01/2017 (Digitale) – 19/01/2017 (Cartaceo in tutte le librerie)
Link d’acquisto: Amazon 

Sinossi: 

Lucy è una ragazza insicura, cicciottella e piena di complessi. Una sera, uscita da una discoteca, entra per gioco nello studio di un mago insieme alla sua migliore amica. Ed è così che l’incantesimo ha inizio… La mattina dopo Lucy si ritrova a letto con Steven Darrin, attore famoso e bellissimo, di cui lei è una grande fan. Lui è spaesato: come è finito lì? E cos’è quel filo rosso che li lega e resiste a qualsiasi tentativo di essere tagliato? Liberarsi è impossibile, anche stando alle parole del mago. E così, intrappolati da quel filo che solo loro vedono, i due partono per New York, dove Steven sta girando un film. Per una star del cinema come lui, portarsi sempre appresso una ragazza è una vera tortura, ma pian piano il bell’attore si accorge che Lucy è diversa dalle donne a cui è abituato: non è attenta al trucco e all’abbigliamento, non è ossessionata dalla linea… Che ci sia qualcosa, in quella ragazza dalle curve morbide, capace di attrarlo?

Recensione: 

Come vi accennavo poco prima, Viviana Leo è una delle autrici italiane attuali che preferisco. Amo il suo stile, la scorrevolezza dei suo testi e la leggerezza con cui riesce a raccontare di storie d’amore a volte complicate, altre più divertenti. Nel caso di “Questo piccolo grande errore”, ho avuto l’opportunità di leggere per la prima volta un suo romanzo narrato in terza persona. All’inizio ho temuto potesse non coinvolgermi allo stesso modo, invece ho scoperto che Viviana Leo sa emozionare con qualsiasi tipo di narrazione. Anche con la terza persona, è riuscita a tenermi legata alle pagine, alla vicende e alla storia di Lucy e Steven e, anche questa volta, esattamente come nelle precedenti, ho divorato le pagine in meno di 24 ore. 

Tuttavia, la storia di Lucy e Steven è assolutamente fuori dal comune. Una storia d’amore magica, in tutti i sensi. L’autrice ha voluto intensificare quanto sia vero il concetto che dice “I libri sono fatti per sognare”, per evadere dalla realtà di tutti i giorni e immaginare storie d’amore oltre il confine della normalità. E’ questo che accade nella pagine di “Questo piccolo grande errore”. In fondo, chi di noi non ha sognato l’amore impossibile con una Star di Hollywood?
Da sempre le ragazze hanno tappezzato i muri della propria cameretta con i poster di un cantante in particolare, o un attore o un protagonista dello sport. Da sempre, noi tutte, abbiamo sperato di incontrare il nostro beniamino anche per caso. Sopratutto per caso! 

E se questo non può accadere nella vita reale, per Lucy diventa possibile grazie al tocco magico. Viviana Leo diventa quel mago permaloso e le regala un incontro ravvicinato con Steven, da sempre l’uomo dei suoi sogni. 
Una convivenza forzata fatta dI dialoghi divertenti, mai banali o fuori luogo, situazioni agli antipodi per le vite diverse che sono abituati a vivere. Ciò che per Steven è normale, per Lucy è un sogno diventato incubo e viceversa. O almeno questo è ciò che affiora all’apparenza. Come sempre i personaggi creati da  Viviana Leo non sono affatto banali, hanno un carattere ben formato, diverso e dettato da esperienze di vita che vengono fuori nel momento giusto. 

In questo romanzo bisogna andare a fondo, capire che tra le righe ironiche ci sono comunque dei messaggi importanti. Insegnamenti per le ragazze di oggi che, ammaliate dall’idealizzazione del “Divo” di turno, troppo spesso dimenticano che i volti che vediamo in TV non sono altro che i volti di persone fatte di carne e ossa come noi. Persone con una personalità propria, spesso assolutamente differente da quella del personaggio che interpretano. Questo per dire che ogni persona, a prescindere da quanto sia popolare o esposta, merita che la propria vita privata venga rispettata. Si può essere fan di un attore anche senza odiarne le scelte di vita, anzi, soprattutto. 

Scusatemi se mi sono dilungata su questo punto, ma purtroppo su internet siamo ormai abituati a vederne di tutti i colori. Uno dei casi più noti è quello di Jamie Dornan e di sua moglie, divenuta bersaglio facile di orde di fan agguerrite, innamorate di un personaggiO, Christian Grey, che è appunto solo un personaggio e non la vera identità dell’attore che l’ha interpretato. La stessa cosa è accaduta con Ian Somerhalder e la scelta di sposare Nikki Reed, scelta assolutamente bocciata dalle Fan che lo volevano legato a  Nina Dobrev (relazione a cui la stessa attrice aveva messo fine) perché lo erano stati i protagonisti della serie tv che entrambi interpretavano. Ecco, Viviana Leo ha messo in risalto anche questo lato della popolarità. Così come ha voluto mettere in risalto quanto le luci della ribalta a volte possano dare alla testa rendendo le persone ciniche e incattivite con il prossimo, che magari reputano inferiore per differenze fisiche o caratteriali. 

Come avrete capito, ho apprezzato moltissimo la storia narrata e i messaggi importanti che sono stati inseriti con delicatezza e “capacità”. C’è solo una piccolissima nota stonata, a mio avviso, e non sta assolutamente nel lato “magico” e poco reale della storia, bensì nel finale. Ho letto ogni pagina con il crescente desiderio di scoprire cosa ne sarebbe stato di Lucy e Steven e, purtroppo, mi è mancato quel dialogo in più, ritrovandomi in all’epilogo a cose già fatte. Forse avrei dedicato una paginetta in più allo scambio di battute tra i protagonisti. 

Ad ogni modo, se state cercando una storia leggera e che faccia sognare e ridere, questo romanzo è la scelta migliore! (Clicca QUI per l’intervista all’autrice)

4 stelle meritatissime. 

 

 

 

Cinzia La  Commare. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *