Buonasera trattine! In super anteprima vi parlo de “La viandante” di Jane Harvey Berrick, il secondo volume della “The Traveling Series”. Un romanzo che mi ha fatto tribolare molto ma che mi ha regalato un finale all’altezza della profondità dei sentimenti di Kes e Aimee, i due protagonisti della serie.

Titolo: La Viandante

Autore: Jane Harvey Berrick

Serie: The traveling serie vol. 2

Editore: Delrai 

Genere: Contemporary Romance

Data d’uscita: 28 dicembre 2017

Link d’acquisto: Amazon

TRAMA

«Sei l’uomo più bello che io abbia mai visto, Kes.»
Per una volta non osò scherzare sulle mie parole o dirmi che non si potevano dire a un uomo. Sollevò lo sguardo sul mio. La sua espressione era seria e convinta.
«Sei il mio migliore amico e ti amo, ma quello che si trova qui è ciò che amo più di qualsiasi cosa.» E premetti il palmo della mia mano contro il suo petto.
Le palpebre di lui si chiusero, ma quando riaprì gli occhi e li puntò nei miei, la sua espressione si tinse di incredulità.
«È vero» dissi a bassa voce. «Mi fai impazzire e non sempre in senso buono, ma nessuno mi ha mai amato così.»

Scegliere tra carriera e amore è difficile, Aimee si trova di fronte a un bivio: Kes, il suo circense, il ragazzo che le ha nascosto la verità su se stesso, o il sogno di diventare una maestra elementare. Non può dimenticare la passione che li ha uniti e non riesce a nascondere l’ammirazione vero l’uomo che ama, libero da ogni costrizione sociale. Lui è l’unico che sa volare, proprio come un gheppio, l’unico che la porterebbe sempre con sé, anche se la vita unita al destino è sempre lì, pronta a giocare i suoi brutti scherzi inaspettati. Ma ferire un circense vuol dire far sanguinare tutti gli altri, e nessuno può farlo senza pagarne le conseguenze.

Il secondo capitolo e conclusivo della storia tra Kes e Aimee, dalla penna best seller di Jane Harvey-Berrick. Perché l’amore supera le parole e i fatti quando diviene acrobazia e spettacolo.

Per chi non avesse letto il primo capitolo ecco la mia recensione (qui)

RECENSIONE

E la tua lingua taglia il cielo per le mie gambe aeroplani e dimmi com’è…
Che voglio solo perdermi dentro di te e camminare dentro questo amore
Che è una linea di confine, voglio calpestarti il cuore vedere come va a finire…
Fenomenale, tutto questo è una pazzia…

Già, una pazzia amare un viandante e seguirlo in capo al mondo, vivere in un RV, senza una fissa dimora. E altrettanto folle per un circense mettere su casa e famiglia sotto un tetto al profumo di biscotti, imbrigliato sempre nello stesso posto. Non è forse pazzesco tutto ciò?!?

In realtà, l’unica pazzia vera è quella di lasciare andar via l’amore della propria vita, per inseguire effimeri desideri. L’amore non è certo due cuori e una capanna ma è senz’altro il respiro senza il quale si va in apnea, il battito accelerato che non si priva di emozioni, il sorriso aperto e lo sguardo luminoso di chi combatte fiero per esso.

Per fortuna, Kes e Aimee lo sanno e faranno di tutto per non perdersi, anche quando la vita li metterà a dura prova e di fronte a delle scelte difficili e dolorose. Non lasceranno mai andare l’amore che hanno per l’altro, e a volte l’uno a volte l’altra, quando uno dei due sembrerà vacillare, l’altro l’aiuterà a rimettersi in pari, ad essere la sua roccia.

Perché è questo che succede a chi si ama: due corpi condividono lo stesso spirito

Anche questo secondo volume, al pari del primo, non manca di emozioni, eventi, e sorprese. La Berrick sa perfettamente come ammaliare il lettore mescolando, nelle giuste dosi, la finzione letteraria a le reali vicissitudini quotidiane. Non c’è sdolcinatezza gratuita, o tensione sessuale messa lì a caso. La dolcezza e la sensualità dei due protagonisti, che si amano in modo viscerale, è schietta e genuina. Tutto il dolore che proveranno e le fatiche per risollevarsi sono vere, sofferte, sentite. E’ come se la Berrick li avesse visti davvero, e ci avesse raccontato poi di Kes e Aimee, come uno sceneggiatore che trascrive su pellicola.

Oltre ai due protagonisti, ritroveremo l’esuberante e sfacciato Tucker – di cui non vedo l’ora di leggerne la storia nel prossimo volume – Zack e Luke, Ollo, Con e Hilde, Zef e Mirelle, Jennifer Dylan e la nonna, e anche Sorcha ahimè, e altri che non voglio svelarvi..! Personaggi che contribuiscono indubbiamente a dare quel quid in più alla trama, rendendola densa e magica.

Non abbiate timore littori che, al di là di tutto ciò che accadrà durante l’intreccio narrativo, ritroverete fra le pagine il focoso Kes di sempre che vi farà ballare gli ormoni del piacere, e la determinata e fiera Aimee, una donna che si rivelerà di essere, in questo secondo volume, una donna coi pantaloni dalla forza inesauribile. Di loro due ne apprezzerete ogni lato del loro complesso carattere, ogni scintilla, ogni parola, ogni avventura dei due viandanti.

Leggetelo!

xoxo Marylla

  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

2 Comments on “Recensione: La viandante di Jane Harvey Berrick.”

  1. Marianna con questa recensione mi hai incuriosita ancora di più 😍 un romanzo meraviglioso che non vedo l’ora di avere tra le mani ❤ ti sto invidiando sappilo 😂😂 😍🎡🎪❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *