Lucrezia Scali è tornata in libreria con un romanzo che è un gioiellino, dolce, romantico e a tratti anche commovente! Non avrei mai voluto arrivare alla fine!

Titolo: L’amore mi chiede di te

Autore: Lucrezia Scali

Editore: Newton Compton

Genere: Contemporary romance

Ebook: 0,99 euro Copertina rigida: 7,50 euro

Link d’ acquisto: Amazon

Sinossi:

Roccamonte è una cittadina tranquilla, dove non succede mai molto. Per questo fa notizia anche l’apertura di una tisaneria: a gestirla è Selva, una ragazza arrivata da poco in paese. Considerata strana sin da piccola, per i suoi gusti diversi dalle coetanee, Selva ha un dono particolare: è brava ad aiutare chi è in difficoltà. Per qualsiasi problema, lei ha pronto un rimedio a base di erbe. Enea è il primo cittadino di Roccamonte: disponibilissimo con tutti, gentile e cordiale. Eppure assolutamente restio a lasciarsi coinvolgere. Tanto meno da Selva, con la quale Enea non sembra avere niente in comune. Ma nonostante si ripeta che deve starle alla larga, non può negare, almeno a se stesso, di esserne attratto. Quando finalmente tra i due sta per nascere qualcosa e lui pare deciso a lasciarsi andare, qualcuno fa ritorno in paese… Qualcuno che appartiene al passato di Enea.

Recensione:

Questo romanzo mi è entrato nel cuore e sono sicura conquisterà anche voi!

Entrerete subito in sintonia con la protagonista, Selva, una ragazza semplice, che porta addosso le cicatrici di un amore finito male, che l’ha fatta sentire sbagliata, non abbastanza, ma che ha il coraggio di andare avanti, di non negare quello che è. È anzi molto autoironica, spiritosa e un po’ “MAGICA” …sì avete letto bene!

Selva infatti, ha ereditato dall’amata nonna Olimpia, la capacità di capire semplicemente con uno sguardo di che cosa ha bisogno una persona, che cosa non va nella sua vita e di sapere esattamente quale tisana possa aiutarla. Ecco perché ha deciso di aprire proprio una tisaneria, un luogo dove le persone possano trovare conforto o semplicemente un po’ di pace. È stata sua nonna Olimpia, apparsa in sogno, a spingerla in questa impresa e ad indicarle proprio il posto dove aprire la sua tisaneria: Roccamonte, una cittadina sperduta, eliminata anche dalle cartine geografiche, dove tutti si conoscono da una vita e dove l’arrivo di una nuova abitante può creare scalpore.

Il sindaco di questa cittadina è Enea. Un uomo che può sembrare arrogante e presuntuoso ma che, come scopriremo, non è affatto come vuol far credere. Io mi sono presa una cotta per Enea, VOGLIO UN ENEA TUTTO MIO! Anche se dice di non essere romantico ed evita le donne come la peste dopo aver sofferto enormemente per colpa della madre di sua figlia, in realtà è un vero principe azzurro. Un uomo concreto, che non desidera storielle ma vuole semplicemente essere amato.

I due protagonisti sembrano ormai aver perduto ogni speranza di incontrare il vero amore e si concentrano sul lavoro finché, dopo un incontro a dir poco esilarante, non iniziano a conoscersi e ad abbattere quelle barriere che si sono costruiti attorno.

Forse era quello che stavo cercando, una donna che mi mostrasse che, nel mondo, c’è ancora spazio per l’incanto delle piccole cose.”

Ma purtroppo quando tutto sembra andare per il meglio, il passato tornerà a bussare alla porta e a mettere tutto in discussione…

Anche se spesso durante il racconto si parla di favole, di lieto fine e principesse mi piace il messaggio che Lucrezia Scali ci vuol far arrivare e cioè che quella favola a cui noi tutte agogniamo non si ottiene senza coraggio e determinazione:

Non devi cercare una favola solo per avere un lieto fine, devi cercare una favola che ti faccia innamorare in un nuovo modo ogni singolo giorno. Il lieto fine, lo avrai certo, ma dopo aver affrontato le difficoltà di un rapporto. Tutte le volte che avrai lanciato qualche piatto e dopo che, insieme, avrete raccolto tutti i cocci… questo è il lieto fine.”

Il romanzo è strutturato in capitoli in cui si alternano i punti di visti di Enea e Selva. Adoro follemente il modo di narrare di Lucrezia, spiritoso e fresco. Riderete di gusto soprattutto nei capitoli in cui è Enea a parlare in prima persona con il suo sarcasmo esilarante. Ma ci saranno anche momenti commoventi che mi hanno fatto scendere qualche lacrimuccia.

Che altro dire? Non siete ancora corse in libreria? Non potete farvelo sfuggire! Immergervi in questa storia vi scalderà il cuore.

Ah, quasi dimenticavo! Come vi ho detto si parla spesso di fiabe e la nostra Selva viene comparata ad una simpaticissima principessa Disney: Merida!

Non è fantastica?

Sweet reads!

Erika Biagioni

  • 4
  •  
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *