Buon pomeriggio trattine! Oggi la nostra Federica Rubini, new entry del team trattorosa, farà la sua prima recensione, cominciando con “Il Libro dell’Estate di Michelle Gable, edito da Newton Compton Editori.

Sentiamo cosa ne pensa di questo romanzo multi-generazionale che racconta della forza delle donne di Cliff House

SINOSSI:

Bess Codman, per la prima volta dopo anni, visita il posto che i suoi nonni costruirono circa un secolo prima. A causa dell’erosione, la grande casa è destinata a precipitare nel mare. Bess dovrà mettere da parte i suoi conflitti con il passato e occuparsi di sistemare la casa. Per farlo sarà costretta ad affrontare sua madre, una donna dal carattere determinato, che si rifiuta di abbandonare Cliff House. Bess non dovrà fare i conti solo con il passato della sua famiglia, ma anche con un vecchio amore. Nella confusione degli imballaggi, Bess ritrova il registro degli ospiti di Cliff House: “Il libro dell’estate”. Tra le pagine sbiadite del libro sono custodite le affascinanti storie di coloro che l’hanno abitata. La nonna di Bess, Ruby – che possedeva il libro dell’estate al tempo della Seconda Guerra Mondiale –, le ha sempre detto che “Cliff House è una casa di donne”. Solo l’ultimo giorno dell’ultima estate in quella casa arroccata sul mare, Bess si renderà conto che la verità delle parole di sua nonna è più profonda di quanto avrebbe mai potuto pensare.

RECENSIONE

Cliff House sta per essere ingoiata dall’oceano a causa dell’erosione della scogliera ma la sua cocciuta proprietaria Cissy non vuole fare le valigie e abbandonare casa la sua casa. Bess la figlia, cerca di convincerla ad andarsene mentre si trova a destreggiarsi tra un divorzio imminente e l’amore dei tempi del liceo ritrovato.

Gli eventi ambientati ai nostri giorni si intrecciano con quelli accaduti nei primi anni del 900 e riportati nel Libro dell’Estate, una raccolta di pensieri e avvenimenti scritti da tutti coloro che sono passati tra quelle mura.

La narrazione in alcuni punti, specie nei primi capitoli, procede a singhiozzo a causa delle troppe descrizioni che ne rallentano la lettura. Nei capitoli seguenti la lettura, si riprende e si fa più scorrevole.

Il linguaggio utilizzato è semplice, capibile da tutti. Ci sono anche divertenti giochi di parole che rendono fresco e divertente questo libro: “Mary pareva quasi allegra alla prospettiva di soffrire fino a negarsi persino i piaceri del cibo. Era la donna perfetta per il razionamento. Qualcuno avrebbe dovuto dirle che risparmiare in personalità e intraprendenza non sarebbe stato di alcun aiuto allo sforzo bellico.”

La vicenda si sviluppa in un alternarsi tra presente e passato, tra la vita di Bess a Cliff Haouse e i ricordi rievocati dalla lettura del “Libro dell’estate”. Tuttavia il modo di esprimersi dei personaggi è sempre il medesimo. Infatti il modo di raccontarsi degli “antenati”, attraverso “il libro dell’estate” – (il registro degli ospiti di Cliff House che la protagonista ritrova) – è lo stesso dei loro succedanei. Purtroppo, questo mancato cambio di registro linguistico agli occhi di un lettore attento non sfugge, appiattendo la narrazione e risultando poco credibile.

Devi essere un po’ strano per decidere di vivere lontano dalla civiltà per tutto l’anno

I personaggi, sono tutti diversi, ognuno di loro ha le proprie caratteristiche e il proprio temperamento. Ciò nonostante, la maggior parte di essi non spicca per la caratterizzazione del ruolo che rivestono, restano per lo più piatti, tanto da non sembrare persone reali e, a volte, anche quelli ben realizzati sembrano perdersi un po’.

La trama è interessante ed evoca sentimenti di tristezza e dolcezza. Ho apprezzato molto che l’autrice abbia scritto questa storia perché ispirata da fatti realmente accaduti. Infatti questo libro, a mio avviso, può essere utile anche per sensibilizzare sul problema dell’erosione della scogliera Sankaty nel punto più orientale dell’isola di Nantucket.

Federica Rubini

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *