Love is forever è uno spinoff che ruota attorno alla fatidica domanda: l’amore è per sempre?

SINOSSI

Mia e Jensen, aspirante scrittore lui, esuberante fotografa in erba lei, sono inseparabili durante gli anni del college. Quando Jensen deve lasciare la California per frequentare l’Università a New York, entrambi decidono di prendersi una pausa, con la promessa di ritrovarsi di nuovo insieme alla fine del cammino. Ma le cose non vanno esattamente come avevano sperato.

Cinque anni dopo, vita e carriere ormai avviate, Mia e Jensen si rivedono al matrimonio di Elle e Oliver. E se Mia è ancora intenta a detestarlo ed evitarlo, Jensen ha ben altri piani…

RECENSIONE

Dunque, l’amore è per sempre?

“Hail, The preachers, fake and proud
Their doctrines will be cloud, Then they’ll dissipate
Like snowflakes in an ocean, Love is forever…”

Secondo quanto cantano i Muse, si; tutte le dottrine in materia che sostengono il contrario, si dissiperanno come fiocchi di neve nell’oceano, perché nulla può distruggere la forza dell’amore.

Attraverso le splendide e al contempo semplici parole di Claire Contreras, ho capito che i sentimenti veri, anche se corrotti da egoismi, paure ed errori, resistono al tempo e allo spazio, viaggiano nell’etere come due piccole particelle destinate a restare eternamente in contatto. E perché no ad incrociare i loro cammini in un vecchio e rinnovo amore. Perché Love is forever.

Nella storia di Mia e Jensen ne è passata di acqua sotto i ponti, e pure di tagli di capelli! Mia che quando aveva conosciuto Jensen portava la chioma alla Raperonzolo, si trova nell’attualità del racconto con una acconciatura corta e sfilzata. Ciò che non è cambiato è il rapporto con Jensen: decisamente sempre uniti, da quella mirabile mini vacanza di primavera a Malibu. A ritmo di birra, musica, sabbia e sole, Mia e Jensen si sono innamorati…perdutamente.

Un sentimento che hanno deciso di mettere in pausa per le proprie realizzazioni personali. E forse per la paura di non farcela. Tuttavia non riescono proprio a distaccarsi, si sentono spessissimo al telefono e appena possibile si vedono anche. E perché tutto funzioni nel migliore dei modi hanno fatto un patto: nessun fidanzato per nessuno dei due, solo semplici frequentanti. Perché, secondo i loro piani, sarebbero tornati insieme non appena avrebbero raggiunto obiettivi e sistemato ogni altro problema.

“Ci verresti in un posto con me?», mi chiese, e io sbattei le palpebre per la sorpresa.
«Un posto, tipo…», lo incoraggiai confusa.
«Lontano. Prendiamoci una stanza in un hotel da qualche parte, solo per questa notte. Ho bisogno…». Sospirò di nuovo. «Ho bisogno di stare con te», mi confidò, poggiandomi l’altra mano sull’altro fianco e tenendomi stretta, prima di cominciare a far scivolare entrambe le mani lungo il mio corpo fino a raggiungere il viso. «Voglio stare da solo con te. Solo tu e io».
Avrebbe potuto chiedermi di uccidere il papa e in quel momento gli avrei detto di sì. Quando Jensen mi guardava così intensamente, con quegli occhi malinconici che imploravano comprensione, non riuscivo a dire di no. Poggiai le mani sopra le sue, che racchiudevano il mio viso, e me le avvicinai alla bocca. Lui chiuse gli occhi e io gli baciai i palmi induriti.
«Verrei ovunque con te», risposi sussurrando.”

Si sa però che la vita non va mai secondo i piani, e così accade l’imponderabile. Per il diritto di cronaca, va detto che ciò che accade a sconvolgere il patto di Mia e Jensen è l’aver violato il patto stesso, in un modo che diventa insopportabile, in quanto qualcosa di più importante si frappone tra di loro. E da quell’evento Mia e Jensen non si sentono e non si vedono più, fino al matrimonio di Estelle e Oliver, protagonisti indiscussi di Life is love, primo volume della Hearts Series.

Pur non avendo letto il primo capitolo della serie, potete tranquillamente leggere questo spinoff, che però a mio avviso, rappresenta un ponte di comunicazione con il terzo volume della serie. Ad ogni modo io ve ne consiglio la lettura, perché Claire Contreras sa cantare d’amore.

xoxo Marylla 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *