Lo ami e lo odi, lo comprendi e lo disprezzi. I sentimenti per il protagonista di “Loving the demon” sono contrastanti. Quali saranno i vostri?

Loving the demon è il primo di una trilogia scritta da Nicole TesoLa storia risulta coinvolgente e talvolta sono presenti contenuti un po’ più forti. Vengono trattate tematiche delicate e situazioni che potrebbero risultare difficili da comprendere, ma il romanzo si presenta come un dark e di conseguenza resta fedele al suo genere.

loving the demon

Titolo: Loving the demon
Autore: Nicole Teso
Genere: Dark romance
Editore: Self Publishing.
Link d’acquisto: Amazon.

Trama:

Las Vegas era l’occasione per iniziare una nuova vita e seppellirmi il passato alle spalle. Non avrei mai potuto immaginare che sarei stata rapita e rinchiusa in una cella buia, pronta a diventare una schiava del piacere. Jake Evans mi distruggerà, piegandomi ai suoi desideri e consumando la mia anima. Lui è la mia condanna a morte. Lei avrebbe dovuto essere una prigioniera come tutte le altre, pronta a soddisfare i desideri dei miei clienti. Non avrei mai potuto immaginare che mi avrebbe dato così tanto filo da torcere. Brittany Moore sta sfondando le barriere nella mia testa, facendomi crollare e riportando a galla un passato che credevo sepolto. I demoni mi stanno reclamando… Lei è il mio tormento.

Recensione:

Il passato segna inevitabilmente chi siamo nel presente. Se hai vissuto un passato tranquillo è poco probabile che sarai una persona truculenta nel presente. Ma se come Jake il tuo ieri è un buco nero dal quale non sei riuscito a tornare a galla, il tuo oggi non potrà che essere una copia sbiadita. Fin da bambino non ha avuto vita facile, gli ostacoli da superare lui non è riuscito a scavalcarli ma c’è finito contro tutte le volte, cadendo e facendosi male. Aggiungendo piccole cicatrici sul corpo quanto nell’anima. E ancora oggi vive cullato dal dolore che torna in superficie in ogni momento, sfuggendo al suo controllo. Così diventa il carnefice. Un rapitore. Un mostro.

A pagarne le conseguenze è Brittany, una ragazza semplice che ama la sua vita così com’è. Sembra docile inizialmente, ma quando Jake la rapisce si dimostra pronta a combattere con un coraggio sorprendente. Anche quando dovrebbe darsi per persa o sconfitta, lei non molla la presa. E sono proprio questa sua determinazione e questo caratterino indomabile che saltano all’occhio del suo carnefice.

«Qui dentro le emozioni sono come insetti,
che Jake calpesta con la suola delle sue scarpe
costose. […] se vuoi restare a galla, devi
comprenderlo. Altrimenti affogherai come
una pietra sul fondo di un lago».

I personaggi di Loving the demon sono ben caratterizzati e sicuramente diversi gli uni dagli altri. Se da un lato abbiamo l’impetuoso Jake, dall’altro abbiamo la dolce Brittany che prova a farsi forza in una situazione di totale malessere e disagio. Non si da per vinta e prova in ogni modo a liberarsi da quel destino che l’ha resa una prigioniera.  Vittima di un uomo che con i suoi modi risulta essere perverso e sicuramente poco romantico, talvolta addirittura poco umano, ma che riesce comunque a scatenare qualcosa in lei. Cosa? Nemmeno Brittany sa darsi una risposta. Spesso è repulsione, altre volte è attrazione.  Forse fisica, forse mentale. A volte entrambe.

I POV alternati ci permettono di conoscere bene sia un personaggio che l’altro: i capitoli che più ho apprezzato, utili a comprendere la psicologia odierna di Jake, sono proprio quelli incentrati sul suo passato. Capitoli che, di volta in volta, ci aprono una piccola finestrella sul suo trascorso e ci aiutano a comprendere il suo comportamento nel presente. Non lo giustificano, a mio avviso, ma lo rendono più leggibile.  Quello che ho apprezzato meno, invece, è Jake nel presente: quasi in ognuno dei suoi capitoli il nostro protagonista si rivolge a Brittany, come se ormai vivesse in funzione di lei e ogni suo pensiero non possa scindere dalla sua persona.

La morte non mi fa più paura.
È la vita a essere terrificante.

Loving the demon di Nicole Teso è un’insieme di sensazioni contrastanti, un po’ come i protagonisti. È accattivante, riesce a incuriosirti e ti sprona ad andare avanti divorando le pagine per capire cosa succederà dopo. Ho trovato alcune scene un po’ esagerate o surreali, ma è quando arrivi negli ultimi capitoli che rimani senza fiato. Il finale è un vero colpo di scena sferrato con la potenza di un pugno; totalmente inaspettato!

Ci sono parecchi elementi o argomenti che vengono troncati o lasciati, suppongo volutamente, in sospeso. Molti interrogativi continuano a girare per la testa del lettore fino all’ultima pagina, e spero che nel secondo volume, Loving the angel, esista una risposta a tutti o parte di essi.

Linda.

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  • 2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *