Buon pomeriggio trattine! Oggi Veronica ci parla in anteprima del nuovo romanzo erotico di Lisa De Jong, “Con te oltre i limiti”, edito da Newton Compton. Una storia che non è la solita storia d’amore nè la solita storia di sesso.

Titolo: Con te oltre i limiti

Autore: Lisa De Jong

Titolo originale: Break Even

Data d’uscita: 26 ottobre 2017

Editore: Newton Compton

Genere: Erotic romance

Link d’acquisto: Amazon 

SINOSSI

Questa non è la solita storia d’amore.

Se pensi che questa sia una storia già sentita, ti stai sbagliando. La mia non è una storia d’amore… Almeno non la solita storia d’amore. Faccio l’avvocato e sono abituata a scoprire le cose, a portare alla luce i segreti, ma questa volta non ci sono riuscita. Ogni giorno River mi dà almeno dieci validi motivi per stargli lontano, e undici ragioni per cui non posso farlo. Il nostro rapporto doveva rimanere strettamente professionale, e io ci ho provato. Poi c’è Cole: dopo quattro anni di matrimonio, con lui tutto è cambiato. Non immaginavo che due persone che vivono insieme potessero sentirsi così distanti. Ma non sono pronta a rinunciare a lui. Un uomo sta cercando di farmi crollare. Un altro di vendicarsi. Entrambi mi stanno mentendo.

Un incontro magnetico.

Un matrimonio in crisi.

Lei non è pronta a rinunciare a nessuno dei due.

RECENSIONE

Si dice che ognuno di noi abbia un’anima gemella a cui è destinato. Non credo assolutamente che sia vero. Ci sono tante persone nel mondo di cui ognuno di noi può innamorarsi. Il modo in cui si cambia insieme è quello che davvero determina quanto a lungo si resterà insieme.

Ho scelto di iniziare la recensione con un estratto di questo nuovo stand alone che la Newton Compton ha deciso di portare in Italia perché mi ha dato da pensare. Siamo di fronte ad una storia d’amore apparentemente simile a molte altre, che vede assieme una coppia sposata da pochi anni, ma con un lungo fidanzamento alle spalle. Una coppia che si è scelta a vicenda per amore, interessi comuni, attrazione, voglia di condividere il resto della vita. Ma questo basta? Voglio dire, nel momento in cui si compie questa scelta non metto in dubbio che la maggior parte di noi ne sia davvero convinta. Ma chi può dire che la persona che abbiamo scelto al nostro fianco sia davvero quella giusta, la più giusta fra molte altre che non abbiamo ancora incontrato?

È proprio quello che capita a Marley, la protagonista del romanzo. Da sempre innamorata di suo marito Cole, ultimamente avverte che qualcosa nel loro rapporto si sta lentamente deteriorando e, per quanto provi a mettere toppe laddove si creano strappi, non riesce a venirne a capo. Suo marito è sempre più assente, più freddo, meno disponibile nei suoi confronti.

Lo amo. Lo amo davvero, profondamente, ma a volte devo cercare all’infinito per ricordarmi di come mi sono innamorata di lui all’inizio. E di come mi sentivo allora.

Oltre alla sensazione che il pavimento su cui si poggiano i piedi da oltre 10 anni sia diventato instabile, immagino che la progressiva fine di un rapporto lasci anche un senso di amarezza e sconforto profondi, di fallimento anche, perché tutto il tempo e i sentimenti investiti su un’altra persona sfumano via inesorabilmente. E allora sorgono i dubbi: l’ho amato davvero? Lui mi ha amata davvero? Cos’è l’amore? Forse era solo infatuazione? Se di amore si tratta, come può finire?

River Holtz entra a far parte della vita di Marley quasi per caso, nel classico momento in cui è più semplice che quella che in altri momenti sarebbe rimasta solo un’attrazione passeggera si trasformi in vero e proprio tradimento, ossia quando il rapporto che si sta vivendo è vulnerabile ed appeso a un filo. Ammetto che l’inizio della loro relazione alquanto turbolenta mi ha lasciato spiazzata, perché proprio non capivo come si fossero create le basi per una complicità in così breve tempo. Per fortuna, questa perplessità ha trovato spiegazione nella seconda metà del romanzo, di cui però non posso svelarvi nulla.

Marley e River battibeccano, si attaccano a vicenda, sin da subito non hanno affatto il rapporto che dovrebbero avere un avvocato e un suo cliente. Passano immediatamente al tu, alle insinuazioni sessuali, al contatto, fino ad arrivare a dichiarazioni molto esplicite di natura non propriamente professionale. Però ho chiuso un occhio sulla cosa, in fondo si tratta di un erotico e in questo genere è abbastanza ricorrente il tralasciare aspetti come la professionalità in campo lavorativo.

A differenza degli altri romanzi erotici però, o almeno della maggior parte di quelli letti ultimamente, il libro della De Jong sorprende, perché proprio quando pensavo che si sarebbe arenato sul tradimento e il conseguente trip mentale della protagonista che si pente e torna dal marito, per poi ricascarci con l’altro e in seguito tornare nuovamente col marito, ecco che invece si ha un colpo di scena. Niente di eclatante, per carità, eppure mantiene vivo l’interesse e rende i capitoli molto scorrevoli, fino a giungere all’epilogo che mi aspettavo.

Il romanzo è narrato in prima persona dal solo punto di vista di Marley e, sebbene io ami molto di più i pov maschili, devo ammettere che qui ha funzionato la scelta dell’autrice, è stata oculata ai fini della trama che intendeva portare avanti. Marley inoltre è una protagonista piacevolissima, non la classica donna frustrata che si piange addosso, né che si fa mille seghe mentali per aver tradito il marito assente, e che anzi prende da subito coscienza della necessità di lasciarlo.

Le sue braccia mi avvolgono, il suo mento si posa sulla mia testa. Sono sposata, però non voglio che si fermi. Riempie un vuoto lasciato da un marito che non c’è mai, nemmeno quando sono nella stessa stanza con lui.

Anche le scene di sesso le ho molto apprezzate, non sono eccessive né ricche di tediosi e ripetitivi dettagli; è importante rendersi conto che un erotico deve anche possedere una trama degna di questo nome e non un mero susseguirsi di “dentro-fuori”, “più forte-più forte”, “sei fradicia-mi fai impazzire” e “oddio è enorme”.

L’intreccio fra i tre protagonisti è gestito molto bene, all’inizio parte in sordina per poi rivelarsi nella seconda metà del libro, dove tutti i nodi vengono al pettine e si scopre che Cole e River forse non sono esattamente le persone che dicevano di essere.

Mi sento di consigliarlo, è stata una lettura molto piacevole e ben strutturata.

Veronica Palermo

 

  • 3
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

One Comment on “Recensione: Con te oltre i limiti, Lisa De Jong.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *