Care trattine, oggi vi parlo di ORIGIN, l’ultimo romanzo di Dan Brown, un autore che non ha bisogno affatto di presentazioni, ma che merita ogni volta che scrive un nuovo libro uno chapeau che duri almeno come un successo alla prima della Scala di Milano.

Titolo: ORIGIN

Autore: Dan Brown

Genere: Thriller

Editore: Mondadori

Link d’acquisto: Amazon

SINOSSI

Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa a Harvard, è stato invitato all’avveniristico museo Guggenheim di Bilbao per assistere a un evento unico: la rivelazione che cambierà per sempre la storia dell’umanità e rimetterà in discussione dogmi e principi dati ormai come acquisiti, aprendo la via a un futuro tanto imminente quanto inimmaginabile. Protagonista della serata è Edmond Kirsch, quarantenne miliardario e futurologo, famoso in tutto il mondo per le sbalorditive invenzioni high-tech, le audaci previsioni e l’ateismo corrosivo. Kirsch, che è stato uno dei primi studenti di Langdon e ha con lui un’amicizia ormai ventennale, sta per svelare una stupefacente scoperta che risponderà alle due fondamentali domande: da dove veniamo? E, soprattutto, dove andiamo? Mentre Langdon e centinaia di altri ospiti sono ipnotizzati dall’eclatante e spregiudicata presentazione del futurologo, all’improvviso la serata sfocia nel caos. La preziosa scoperta di Kirsch, prima ancora di essere rivelata, rischia di andare perduta per sempre. Scosso e incalzato da una minaccia incombente, Langdon è costretto a un disperato tentativo di fuga da Bilbao con Ambra Vidal, l’affascinante direttrice del museo che ha collaborato con Kirsch alla preparazione del provocatorio evento. In gioco non ci sono solo le loro vite, ma anche l’inestimabile patrimonio di conoscenza a cui il futurologo ha dedicato tutte le sue energie, ora sull’orlo di un oblio irreversibile. Percorrendo i corridoi più oscuri della storia e della religione, tra forze occulte, crimini mai sepolti e fanatismi incontrollabili, Langdon e Vidal devono sfuggire a un nemico letale il cui onnisciente potere pare emanare dal Palazzo reale di Spagna, e che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio Edmond Kirsch. In una corsa mozzafiato contro il tempo, i due protagonisti decifrano gli indizi che li porteranno faccia a faccia con la scioccante scoperta di Kirsch… e con la sconvolgente verità che da sempre ci sfugge.

RECENSIONE

<<“Si! Questi due misteri stanno al centro dell’esperienza umana. Da dove veniamo? Dove andiamo? La creazione e il destino dell’uomo.” Lo sguardo di Edmond si fece più intenso mentre fissava con impazienza l’amico. “Robert, la scoperta che ho fatto…risponde in maniera molto chiara a entrambe le domande.“>>

Come ogni attività di indagine dell’esimio professor Robert Langdon, anche in questo nuovo romanzo di Dan Brown ritroviamo per la quinta volta lo stesso protagonista e lo stesso nodo narrativo intorno cui si attorciglia e si scioglie l’intera vicenda: una rivelazione scientifica che abbatte, come uno tsunami, molti postulati di fede.

Cambia la scenografia, cambiano le domande universali ed ataviche, cambiano i personaggi, ma c’è sempre un mistero da risolvere, un assassino da consegnare alla giustizia, una guerra aperta e antica fra scienza e religione, che a parere di Dan Brown tuttavia possono pacificamente coesistere perché “sono solo due lingue diverse che cercano di narrare la stessa storia. Al mondo c’è spazio per entrambe

Tuttavia se l’autore è per la convivenza civile di scienza e fede, i suoi sostenitori nonché studiosi della materia, non sono della stessa opinione, scatenando dissapori, casi diplomatici e addirittura omicidi. E da qui parte la caccia avventurosa all’assassino di Edmond Kirsch. Ovviamente il professor Langdon sarà accompagnato da una donna sexy ed affascinante, Ambra Vidal, direttrice del museo avveniristico museo Guggenheim di Bilbao.

Tutti clichè già letti nei precedenti romanzi in cui compare il professor Langdon, e che riducono l’interesse del lettore, che già dall’inizio sa cosa aspettarsi dall’intreccio narrativo. Dan Brown, tuttavia, ha uno stile impeccabile che comunque tiene alta la soglia di attenzione, e conferisce alla vicenda un tono aulico e serioso, ma tanto tanto affascinante come quello di un perfetto oratore ex cathedra. Ogni volta infatti, si apprende molto, la cultura personale si arricchisce e lo spirito della sapienza ne gioisce.

A voi scoprire di cosa si tratta questa volta, e soprattutto assaporare le ultime teorie scientifiche.

xoxo Marylla

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *