“Ragazza, serpente, spina” di Melissa Bashardoust è una fiaba fantasy che intreccia le leggende persiane e un universo narrativo ricco di dettagli.

Pubblicato da Mondadori nel 2021, “Ragazza, serpente, spina” ci trasporta in un mondo fantastico dove principesse, demoni e maledizioni si intersecano in una trama piena di colpi di scena e segreti.

Recensione di "Ragazza, serpente, spina".

Titolo: Ragazza, serpente, spina
Autore: Melissa Bashardoust
Editore: Mondadori
Genere: Fantasy
Link d’acquisto: Amazon

Trama:

C’era e non c’era una volta − così cominciano sempre le fiabe − una principessa destinata ad avvelenare chiunque la toccasse.

Ma per Soraya, tenuta nascosta fin dalla nascita, cresciuta lontana dalla sua famiglia, al sicuro solo nel suo giardino, questa non è soltanto una fiaba.

All’approssimarsi delle nozze del suo gemello, Soraya deve decidere se uscire allo scoperto per la prima volta. Nelle segrete del palazzo una div, una demone, potrebbe avere le risposte che sta cercando, la chiave per ottenere la libertà. Al di fuori c’è un giovane uomo che non teme la principessa, nei cui occhi non si legge paura, ma profonda comprensione di chi lei sia veramente, oltre la maledizione e il veleno.

Soraya pensava di sapere quale fosse il suo posto nel mondo, ma quando le sue scelte portano a conseguenze inimmaginabili, inizia a chiedersi chi sia davvero e cosa stia diventando: una donna o una demone? Una principessa o un mostro?

Recensione:

La protagonista, Soraya, è una principessa destinata a avvelenare chiunque la tocchi. A causa di questa maledizione, vive reclusa nelle sue stanze, osservando il mondo dalla terrazza della sua prigione dorata. La solitudine la consuma, ma tutto cambia quando incontra un giovane soldato che non teme la sua pelle velenosa. Tra loro nasce una profonda comprensione, e Soraya inizia a interrogarsi su chi sia veramente: una donna desiderosa di scoprire il calore del contatto umano o un demone.

“Soraya pensava di sapere quale fosse il suo posto nel mondo, ma quando le sue scelte portano a conseguenze inimmaginabili, inizia a chiedersi chi sia davvero e cosa stia diventando: una donna o una demone? Una principessa o un mostro?”

Lo stile di scrittura di Bashardoust è semplice, forse troppo, ma la trama offre colpi di scena che sovvertono i luoghi comuni. Le relazioni tra i personaggi sono ben sviluppate. La connessione tra Soraya e il giovane soldato è delicata e coinvolgente. Anche i rapporti familiari e le alleanze politiche sono interessanti. Tuttavia, ho faticato ad affezionarmi completamente ai personaggi e a comprendere appieno la loro evoluzione. Il villain risulta abbastanza convincente, ma avrei preferito una maggiore profondità; ho avuto la sensazione che da un certo punto la narrazione abbia iniziato a scorrere troppo di fretta.

Uno dei punti di forza di Ragazza, serpente, spina sono le tematiche femministe: il romanzo affronta temi importanti come l’empowerment femminile, l’accettazione di sé stessi e la lotta contro le aspettative sociali. La protagonista, Soraya, è un esempio di forza e resilienza.

In conclusione, Ragazza, serpente, spina è una fiaba femminista che affascina con la sua originalità e il suo mondo evocativo. Se sei appassionato di fantasy e ami le storie di principesse e maledizioni, questo libro potrebbe catturare la tua attenzione.