Sanpietrino e il segreto della valle oscura, di Luisella Guerra è un fantasy che ha davvero tanto da offrire. Un fantasy da cui lasciarsi avvolgere, con cui esplorare, con cui imparare.

Una valle che sembra quasi un paradiso, lì tra le montagne italiane, che nasconde la culla del male. Magie, maledizioni. Protezioni. Bruttezza e bellezza contrapposte, amore e odio. Sanpietrino e il segreto della valle oscura è questo, e molto altro. Un romanzo di formazione, che si snoda tra fantasia e realtà. Una morale che aspetta d’essere conosciuta e compresa. Venite a cercarla con noi!


Titolo:
Sanpietrino e il segreto della valle oscura
Autrice: Luisella Traversi Guerra
Casa editrice: Mondadori Electa
Genere: Fantasy Junior
Link d’acquisto: Amazon

Trama:

Sanpietrino è nato da genitori amorevoli e cresciuto in una baita di montagna, a contatto con una natura incontaminata. Ma è un bambino veramente bruttino e, solo quando inizia ad andare a scuola, vive sulla sua pelle – nei rapporti con i compagni – le conseguenze del suo essere così sgraziato e diverso dagli altri. La storia di Sanpietrino si sviluppa via via a cavallo tra due mondi paralleli: lo scenario decisamente fantasy della Valle oscura – luogo segnato dai malefici della strega Pitimilla e dal suo oppositore Asgard – e la realtà contemporanea delle metropoli e dei grandi spazi americani. In un mondo caratterizzato dall’eterno scontro tra il Bene e il Male, Sanpietrino si confronta con i sentimenti e le relazioni di amicizia e amore che caratterizzano la vita degli adolescenti e ne formano il carattere preparandoli all’età adulta. 

Recensione:

Ricordo chiaramente, come se fosse ieri, il giorno in cui ho realmente scoperto il piacere della lettura. Era un pomeriggio di primavera inoltrata. Poteva essere Giugno, e non potevo avere più di sette anni. Sdraiata sul pavimento, con davanti a me un libro illustrato della favola di Collodi, Pinocchio. Ricordo ancora quelle pagine. La copertina verde del libro che era quasi più grande di me. Poi è stato il turno del gatto con gli stivali. La Regina delle nevi. E poi Peter Pan, un libro che amo ancora oggi.

Mi sono sempre sentita legata alle favole, ai racconti di formazione. Quelli che ti stanno vicini durante la crescita, pieni di valori che forse capirai più avanti, crescendo. Per questo sono stata felice di immergermi nel mondo di “Sanpietrino e il segreto della valle oscura “. L’ultimo libro di Luisella Guerra è un fantasy per ragazzi e per lettori d’ogni età che narra, tra realtà e magia, l’essenza della bellezza. 

Aveva tutta la vita a disposizione,
le diceva, per dimostrare a se stessa
di non essere ne brutta, ne sciocca.

Sanpietrino e il segreto della valle oscura è un’opera piena di personaggi, ognuno con le loro descrizioni, con le loro caratteristiche ben sviluppate. Con la loro storia. È Sanpietrino il protagonista principale della storia, che si eleva di un solo gradino rispetto a tutti gli altri. Perché egli viene sempre, di pari passo, accompagnato ed aiutato da figure importanti quali i genitori Gabella e Troclinio. E Greta, l’amica d’una vita e quasi una sorella. Il maestro Asgard e la terribili strega Pitimilla.

È una storia fantastica, piena di magia ed incantesimi, maledizioni. Ma non solo, perché la Guerra riesce a trattare con delicatezza temi importi quali il bullismo e la discriminazione. Uno scorcio sul mondo moderno, che sembra basarsi soltanto sui canoni dell’estetica per definire le persone, incurante di ciò che realmente esse sono. E infatti, in Sanpietrino e il segreto della valle oscura, non è raro che determinati personaggi si ritrovino a vivere isolati, spaventati dalle reazioni del mondo esterno alla loro bruttezza. Come se la bellezza fosse l’unica qualità da preservare, da ottenere. Come se andasse bene sacrificare ogni cosa, ciò che si è, per averla.
Il patto con il male, che ne sussegue. Cedere i propri buoni sentimenti, la propria anima, per ottenere un aspetto esteriore piacente, apprezzato dai più.

Una sorta del Ritratto di Dorian Gray in versione fiabesca che si ostina ad affermare quanto questa realtà sia sbagliata. Quanto ciò che conta davvero è soltanto la bontà d’animo. 

I montanari, di fronte ad una tempesta
estiva di tal fatta, amavano dire che le
streghe stavano progettando dei malefici,
ma nessuno, in fondo, ci credeva.

Sanpietrino e il segreto della valle oscura è un fantasy, ambientato nelle splendide montagne italiane in un luogo che può essere paradiso ed inferno insieme. Il lessico del romanzo è complesso, termini aulici e nomi complicati da ricordare che rendono spesso la lettura poco scorrevole. La struttura narrativa è lineare, sebbene di tanto in tanto vi siano dei flashback ( raccontati principalmente in prima persona ) adatti a raccontare momenti della trama particolarmente importanti, necessari per permetterci di allargare la nostra conoscenza di quel mondo. La scrittrice è il narratore esterno, che ci stringe la mano e ci guida con se alla scoperta del male e di come poterlo sconfiggere, permettendoci di decidere da che parte stare, a chi star vicini. 

È senza dubbio un libro che consiglio per ragazzi da educare, da formare. Per coloro che hanno bisogno di comprendere quanto l’essere sia più importante dell’apparire. Che la bellezza non è l’unica cosa che conta. Armatevi di pazienza, resistete alla difficoltà del linguaggio. Lasciatevi guidare, dai personaggi del romanzo, immergetevi nelle montagne luminose e combattete insieme a Sanpietrino la strega Pitimilla. Soltanto insieme si potrà sconfiggere il male. 


Ambra Ferrero.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One Comment on “Recensione: ” Sanpietrino e il segreto della valle oscura” di Luisella Traversi Guerra.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *