Buondì trattine! Finalmente posso parlarvi di “The Golden Boy” di Elisa Gioia, un romanzo auto conclusivo che fa però parte di una serie “The Broken Stars”

Titolo: The Golden Boy

Autore: Elisa Gioia

Serie: The Broken Stars (Vol. 1)

Genere: Contemporary Romance

Data d’uscita: 27 gennaio 2018

Link d’acquisto: Amazon

TRAMA

“Mi ci era voluto solo un secondo per notarlo. Mi era bastato meno di un mese per innamorarmi di lui.”

Lo chiamano The Golden Boy per un motivo.
Chad Hart, divo di Hollywood del momento, è amato dalle donne, rincorso dai paparazzi e richiesto dai migliori registi.

Summer Davis è una semplice ragazza che cerca di sopravvivere nella giungla di New York, tra le lezioni alla Tisch e i turni di lavoro come cameriera e dog-sitter.

Due vite agli antipodi, ma solo in apparenza.
Mentre i giornalisti gli danno la caccia, Chad cerca di combattere i demoni del suo passato lontano dai riflettori, finché Summer non irrompe nella sua vita. Lei ha imparato fin da piccola che l’amore porta solo dolore, è meglio difendere il cuore dietro a una corazza e una lingua tagliente, che permettere a qualcuno di avvicinarsi e correre il rischio di soffrire di nuovo.

Doveva essere un semplice incontro, invece è cambiato tutto…

Summer credeva di essere solo una comparsa nella vita del ragazzo d’oro di Hollywood, invece si ritrova catapultata al centro della scena. Nonostante il passato misterioso di Chad e le sue storie che riempiono i tabloid, Summer si sente comunque attratta da lui, bello e dannato e con il viso da angelo vendicatore.
Solo che Chad non è previsto nei suoi piani. Ma nemmeno innamorarsi di lui.

I destini di entrambi sono però legati più di quanto pensino e ora è tutto nelle loro mani: permettere ancora una volta al passato di negargli un futuro o salire al centro del palco, lasciar cadere tutte le maschere e ricordare come si fa ad amare.

The Golden Boy è un romanzo che racconta come un semplice incontro possa cambiare ogni cosa, un imprevisto rivelarsi l’occasione di una vita.

RECENSIONE

Troverai qualcuno che riuscirà a vederti mentre il resto del mondo non s accorgerà di te

Summer e Chad si sono trovati, si sono accorti l’uno dell’altro, come solo l’amore, quello vero quello grande, infinito, unico sa fare. La loro è la testimonianza cartacea che basta specchiarsi negli occhi di chi ama per vedere davvero se stessi, e scoprire che, con tutti i propri difetti, le mancanze, i fantasmi del passato, si è ugualmente meravigliosi.

Dire che mi hanno conquistato è dire poco! Mi hanno completamente rapita nella lettura, mi hanno fatto ridere, sognare, tribolare, sentire un esercito di farfalle nello stomaco, e si mi hanno fatto innamorare. Li ho invidiati davvero, per il loro prezioso legame. E se è successo tutto questo è merito dell’autrice, che ha la grande capacità di lanciare letteralmente il lettore tra le pagine del romanzo, in un processo di immedesimazione che è catartica.

Come ci riesce? Attraverso un linguaggio diretto, schietto, fluido e soprattutto attraverso dialoghi frizzanti, spassosi, e contemporaneamente irti e setosi. Sa creare dei personaggi maschili che parlano esattamente come noi vorremmo (anche quando ci fanno inquietare!), e delle protagoniste femminili che sanno come tenergli testa e mettergli il guinzaglio con naturalezza, senza fare le gatte morte della situazione.

Chad, è un guizzo di muscoli, testosterone, ironia e savoir faire. Ed è tremendamente bello e affascinante. Un tripudio di “muscoli guizzanti da far invidia al Monte Rushmore“, “un sorriso strappamutande” un “metro e novanta di figaggine” con una voce profonda che era “un mix di cioccolato fondente sulle dita e caramello sopra la panna montata“. Ditemi voi come si fa a non sbavare, ogni volta che lo si incontra? E ciò, nonostante una barba lunga ed incolta ed un look trasandato.

E poi Chad, sa conquistare con le parole, con i gesti, con delle performance irresistibili. E’ un ragazzone in fondo molto buono e generoso che, malgrado le apparenze non siano dalla sua parte, non ha avuto vita facile. Si trascina dietro un macigno, un grande dolore e una famiglia ingombrante. Sebbene il suo sia un mondo patinato ha comunque l’aspetto di una gabbia dorata, in cui lui rappresenta un bel volatile piumato, ma che non ha più la forza ne la voglia di spiegare le sue ali, volare e cantare al mondo. Fino a quando, in un overdose di Caramel Cream Cappuccino, non incontra Summer, il suo “raggio di sole” di nome e di fatto.

Summer è la forza, la combattività, la testardaggine e la femminilità racchiusa in a malapena un metro e sessantacinque di sex appeal e bontà. E’ l’omega per l’ego smisurata del maschio Alfa Chad, la barretta di cioccolata che gli da la carica, colei che lo fa uscire non solo dai gangli ma anche allo scoperto. Anche Summer ha delle cicatrici, un vissuto per niente facile ed è quasi sola al mondo. Se non fosse per la spassosissima amica Emmeline, Summer sarebbe solamente una ragazza acqua, sapone e doveri. Una quasi educanda triste e caterpillar nel lavoro.

L’incontro con Chad cambia tutto il suo mondo e il suo modo di agire. Niente è più lo stesso, ogni cosa assume colori e contorni differenti, ogni modo di pensare viene messo in discussione. La forza attrattiva diventa impossibile da evitare, è entrata sotto pelle ad entrambi, e come una scarica elettrica li ha indissolubilmente legati.

Leggere di questo amore, di come nasce e si sviluppa, sarà un’esperienza sublimante, che farà ricredere anche i più scettici, e perché no farli diventare a tratti addirittura romantici!

Elisa Gioia, ebbene sì ha colpito ancora! Non solo narrando di una storia d’amore epocale, ma rendendola viva, credibile, straordinaria, attraverso personaggi secondari che danno un tocco di realismo in più, e uno scenario (quello dei riflettori hollywoodiani e della classe politica statunitense), così ben dettagliato e analitico da farlo sembrare vero. Insomma, nulla è stato lasciato al caso. Non vi resta che leggerlo!

xoxo Marylla

  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    18
    Shares

2 Comments on “Recensione: The Golden Boy di Elisa Gioia.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *