Buon pomeriggio trattine! Oggi vi parlo del romanzo “Ti amo già da un po'”, seguito di “Ti amo ma non lo sai” della romantica autrice Tania Paxia. Grazie a Newton Compton posso parlarvene in anteprima.

SINOSSI

Manca una settimana a Natale. Maybelle e Luke, entrambi avvocati, sono nel loro appartamento e stanno discutendo animatamente per via di un caso che May non ha voluto accettare e che il padre di Luke, capo del prestigioso studio di avvocati di New York Davis & Associates, le ha ordinato di prendere in carico. May è determinata a non cedere, Luke è irremovibile sulla posizione della famiglia. I toni si alzano e il confronto diventa un litigio vero e proprio. May, delusa dall’atteggiamento del fidanzato, se ne va sbattendo la porta. Partirà alla volta del New Hampshire: trascorrerà le festività nella casa di famiglia con i genitori e cercherà di schiarirsi le idee. La cittadina di Keene non le è mai sembrata così bella, e anche se ha un macigno sul cuore, May non può fare a meno di sentirsi davvero a casa, in mezzo alla neve, a romantiche decorazioni, cioccolate calde col cuore di gelato, e soprattutto non immaginava che avrebbe incontrato di nuovo Peter, il suo amico di un tempo che forse non ha mai davvero capito…

RECENSIONE

Sono davvero felice di non aver atteso molto per leggere il prosieguo di questa storia incredibilmente romantica e frizzante. May e Harper mi avevano già appassionato nella prima parte della vicenda che li riguarda, ma in questo “second round” mi hanno completamente conquistata.

Dovete sapere che io adoro le storie natalizie che ti riscaldano il cuore, in cui si respira un clima di serenità familiare, si assapora la cioccolata calda stra condita, si esprimono i desideri e tutto va a posto, proprio come ogni epilogo felice deve andare. “Ti amo già da un po'” è tutto questo ed altro ancora.

Facciamo un passo indietro… Avevamo Lasciato Peter e May, sulla soglia del college, e li ritroviamo a casa a Keene per le vacanze di Natale. Di acqua sotto i ponti ne è passata da allora. Peter ha cercato di dimenticare l’amore per May, la sua migliore amica, diventando un giornalista nonché magnifico esemplare “tartarugato” ma con il cuore generoso e altruista di sempre; May ha provato ad accantonare i ricordi di Keene e Peter, trasformandosi in una impettita, austera e monocromatica avvocatessa newyorkese, assecondando pertanto i desideri e le abitudini del suo fidanzato e della sua ingombrante famiglia.

May però, non ha smesso di essere l’integerrima figlia di un poliziotto di Keene e a causa della sua integrità morale, discute con la famiglia del suo fidanzato, presso il cui studio lavora come legale, e fa ritorno nella sua cittadina. Quale posto migliore per fare chiarezza e ritrovare se stessa?

Si ritrova così tra le braccia di una madre invadente con una negata propensione all’arte culinaria (brucia sempre tutto sui fornelli!), e di un padre discreto e che sa ascoltare. Si reimmerge nella libreria della signora Pierce, il gazzettino ufficiale di Keene, nonché donna dallo straordinario fiuto investigativo. Si consola con l’ottimo e variegato menù della tavola calda della famiglia Harper, ma ciò che non aveva messo in conto è incontrare nuovamente il suo Harper, Peter Harper, la sua persona speciale da sempre.

Il primo incontro non è dei migliori, tra loro regna sovrano l’imbarazzo di non essersi più visti né sentiti per otto lunghi anni. Inoltre aleggia intorno il peso delle parole non dette e mai sapute. Riusciranno dunque a chiarirsi, ad essere di nuovo Peter e la sua Trilli, o molto di più di tutto quello che erano stati?

Tania Paxia, è riuscita ad intrecciare, una storia dolce ma non sdolcinata, romantica ma non melensa, adorabilmente frizzante come la neve di Keene. E’ stata capace l’autrice di mettere insieme, ma in un modo estremamente delizioso e sentimentale, tutti i cliché dei film di Natale americani: la cioccolata calda, le strade innevate, i figli che tornano a casa per Natale, la magia di santa Claus, l’amore e persino il gazebo nel centro cittadino illuminato a festa. Inoltre, la psicologia e la coerenza dei personaggi è venuta fuori, nel modo più naturale possibile, senza pensieri narrati che in questo caso sarebbero stati superflui.

Narrata interamente dal pov di May, Tania Paxia ha creato uno scenario perfetto per una pellicola cinematografica. E’ stata così brava che May ed Peter li ho sentiti sulla pelle, come potessi viverli davvero attraverso i loro occhi. Non vi resta dunque che leggerlo trattine!

xoxo Marylla

  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    13
    Shares

4 Comments on “Recensione: Ti amo già da un po’ – Tania Paxia.”

    1. Che recensione meravigliosa! Grazie infinite, Marianna De Pilla! <3 Sono felicissima che ti sia piaciuto! *_* adesso sono col telefono e non mi fa condividere sulla pagina, ma appena ho una connessione stabile la condivido!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *