Dopo tanta attesa approda al cinema “After 2” il secondo film tratto dai libri di Anna Todd.

Doveva arrivare nelle sale cinematografiche la scorsa primavera, ma a causa del Covid è stato rimandato. Adesso, però, After 2 ci aspetta al cinema con il secondo volume della saga più amata degli ultimi tempi. 

La visione del primo film non mi aveva entusiasmata poi molto ( potete leggere la recensione qui ) in quanto parecchi elementi erano assenti; primo tra tutti il coinvolgimento emotivo, i dialoghi lasciavano il tempo che trovano e Hardin e Tessa non erano riusciti a coinvolgermi… a stento a piacermi. Il secondo film non stravolge la mia idea, ma se non altro la migliora. Tuttavia ho ancora qualche lamentela.

after 2

Titolo: After 2
Genere: Romantico
Data di uscita: 2 Settembre 2020
Piattaforma: Al Cinema
Durata:
1h e 45m.

Trama:

Tessa, dopo aver scoperto della scommessa fatta tra Hardin ed i suoi amici, vuole lasciarsi la loro storia alle spalle, ma non andrà tutto come previsto. Quando trova lavoro alla Vance Editori come stagista, fa la conoscenza di Trevor e tutto cambierà.

Recensione:

Voglio iniziare la recensione di After 2 parlando delle note positive che ho riscontrato, tenendomi quelle negative per ultime. È difficile apprezzare ogni singola parte di un film se questo è tratto da un libro che ti è piaciuto. Inevitabilmente ti crei delle aspettative e ci rimani male se qualcosa viene stravolto o cambiato.  Sai che ci saranno dei cambiamenti dettati dai tempi cinematografici, ma speri comunque che quella parte, proprio quella che ti è piaciuta tanto, resti immutata. Io ci rimango delusa tutte le volte.

Il primo film non mi era piaciuto molto, se non pochissimo. Non avevo riscontrato la passione che avevo amato nel libri, quella stravolgente, quella che ti trattiene il fiato e spezza il cuore. Lo avevo trovato troppo veloce, troppo frenetico, poco emozionante. E sebbene l’intesa tra i due fosse abbastanza forte non riusciva ad arrivare allo spettatore. After 2 non è frettoloso come il primo. Mi piace pensare che il primo sia stata una sorte di prova, anche se a conti fatti il destino dei successivi film dipenderà sempre da ciò che è successo o non è successo in quella pellicola. Molti elementi che avrebbero dovuto inserire o approfondire sono stati lasciati indietro o ignorati totalmente e questo ha cambiato tutta la dinamica della storia. Ma torniamo ai lati positivi.

after 2

L’intesa tra Hardin e Tessa è sempre più evidente, i due non riescono a restare lontani a lungo.

Avevamo lasciato i nostri protagonisti in una fase di stallo: Tessa aveva appena scoperto della scommessa lasciando Hardin seduta stante. Riallacciare i rapporti non sarà di certo facile, ma di certo non impossibile. Lo scopo di Hardin, per la durata del secondo film, è quello di farsi perdonare da lei. Come dicevo prima, ho apprezzato maggiormente le scene di questo secondo film. Non è frettoloso e i dialoghi, sebbene differenti o meno rispetto a quelli presenti nel libro, sono migliori del precedente.  Se non altri si fa finalmente riferimento ai grandi classici che hanno sempre avuto una parte importante nella loro storia. C’è più conversazione, ci sono più emozioni e soprattutto c’è più umorismo. Ho trovato After 2 divertente. Le battute erano messe al posto giusto e non erano banali.

I lati negativi però ci sono anche in questo caso. 

Il rapporto tra Tessa e Steph è praticamente inesistente, a differenza del libro. Landon lo vediamo qualche volta in via del tutto sporadica e Zed è come se non esistesse. Chi ha letto i libri saprà bene che queste tre persone che ho menzionato hanno un ruolo importante nella storia di After. In particolar modo Zed. 

Il personaggio, nei libri, ha un ruolo fondamentale. Sicuramente non da protagonista, ma riveste una carica molto importante e ancora oggi non riesco a capire il motivo per cui gli sia stata tolta per poi essere attribuita, in parte, ad un altro personaggio. Un personaggio anch’esso presente nei libri, sia chiaro, ma con un ruolo differente. Tolto di mezzo Zed parte dei libri va completamente persa. Una parte, a mio dire, sostanziosa. La scelta di non introdurre questo personaggio non mi è ancora chiara, e ancora meno chiaro mi è il motivo per cui abbiano comunque voluto inserire una sua battuta nel bel mezzo di un contesto errato. Quella frase, di cui non voglio farvi spoiler, inserita in quel modo non ha alcun senso o valore. Era meglio non farlo parlare affatto. 

Dal momento che nel primo film Tessa e Zed non hanno mai scambiato una parola, o quasi, non mi aspettavo uno stravolgimento in After 2, ma continuo a non condividere la fusione del suo personaggio ad un terzo che rivestiva già una sua controparte differente. Altre scene sono state estrapolate dal contesto originale per essere inserite in un momento totalmente differente. O ancora, una scena importante che riguarda il passato di Hardin è stata completamente stravolta o presa sottogamba e questo, a mio avviso, resta un punto di forza nel romanzo e un punto debole nel film.

Il finale me lo aspettavo e almeno quello non mi ha delusa. Un finale che lascia ovviamente intendere che la storia tra Tessa e Hardin non è ancora finita qui. Non ci resta che aspettare il terzo film per scoprire come riusciranno ad incastrare tutti i pezzi mancanti.

Linda.

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
  • 1
    Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *