Buongiorno a tutti miei cari divoratori di libri! Qui è Ylenia che vi parla, in diretta dalla sua casupola calda calda. Si vede che l’inverno sta arrivando, non è così? Beh, bando alle ciance! Oggi sono qui per recensirvi un romanzo edito da Genesis Publishing. Il libro è ‘Banali momenti speciali’ di Silvia Maira. Un libro che, mi permetto di dire fin da ora, mi ha fatto riflettere molto sulle relazioni sentimentali e sulle seconde possibilità. Che dire, non ci resta che iniziare la recensione.

unnamedCome solito vorrei parlarvi della copertina e dell’impaginazione. Vi ricordo che leggo i libri in ebook, quindi mi rifaccio, almeno in questo caso, all’impaginazione che è stata data alla pagina in formato digitale. Per quanto riguarda la copertina, non ho nulla da dire, è semplice e ordinata: non amo molto la scritta, ma ehi!, non sono una grafica e poi mi è stato detto di non giudicare un libro dalla copertina. La promuovo praticamente a pieni voti, così come promuovo l’impaginazione.

La storia di questo romanzo è molto buona, l’ho letta con piacere e, come vi ho anticipato, mi ha fatto riflettere molto sulle seconde possibilità. I personaggi, nel bene e nel male mi sono piaciuti tutti, proprio perché hanno avuto un certo impatto sulla protagonista, ma anche sul marito di essa, la loro storia è bellissima, piena di sofferenze, di parole non dette, ma come ci insegnano i personaggi, non è mai troppo tardi per perdonare e ricominciare, soprattutto con la persona giusta. Ho amato questi momenti speciali, queste piccole cose che succedono nella quotidianità e alla quale nessuno ci pensa, se non ci passa. Sono cose che succedono. Il tempo passa, le persone cambiano, maturano o regrediscono. Compiono il loro ciclo di vita e fanno miracoli anche una volta morti. Ho adorato tutto di questo romanzo, riguardo la storia. Mi ha commossa, mi ha fatta pensare, mi ha aperto pensieri che non pensavo di possedere. Sono felice di averlo letto, l’ho praticamente divorato.

Vorrei fare un appunto riguardo l’editing e la grammatica. Ho trovato spesso verbi mal posizionati, tempi messi a caso e frasi senza senso. È un peccato perché il libro è davvero bellissimo e questa pecca mi ha fatta storcere il naso. Nulla di irrimediabile, basta prestare più attenzione all’editing e questo romanzo potrebbe davvero risultare un capolavoro. È proprio la storia che ho amato a farmi dimenticare gli errori. La scrittrice aveva qualcosa da dire, è riuscita a comunicare tutto ciò che pensavano e provavano i personaggi, una cosa molto importante, più importante, almeno per me, della grammatica corretta.

Ho apprezzato molto ciò che ho letto e non posso fare a meno di consigliare questo romanzo che, di certo, non mancherà di stupirvi. Il modo in cui i genitori si approcciano ai figli, il modo in cui tutti interagiscono è così vivo, così reale che mi sono sentita lacerare il cuore, più di una volta. Ho apprezzato molto il finale, il percorso fatto da ogni singolo personaggio e non posso fare a meno di promuovere questa lettura. Davvero molto bella. Per oggi è tutto, miei divoratori, vi lascio e spero di ricevere vostre opinioni riguardo il romanzo.

Alla prossima,
Yls.

13240755_278503859151041_941671278220610440_n

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *