Il 28 aprile, nella nostra storia, è una data importante da punti di vista notevolmente differenti.

 

28 APRILE

Ha dato i natali a personaggi dello spettacolo che ancora oggi calcano i palcoscenici nazionali ed internazionali, tra un passo di danza, passerelle e notizie e l’inquadratura perfetta: Jessica Alba, Ilary Blasi e Anna Oxa sono solo tre tra i 597 nomi di personaggi più o meno conosciuti che sono nati lo stesso giorno, chiaramente in un anno decisamente differente. Ma il 28 aprile non nascono solo future celebrità; il 28 aprile si costruisce la storia! Ebbene, a Palermo nel 1140, proprio il 28 aprile veniva consacrata la splendida Cappella Palatina del Palazzo dei Normanni. Un gioiello architettonico che vale assolutamente la pena visitare. Fu Re Ruggero II di Sicilia a volerla, e nel 1143 i lavori furono completati, donando alla città un luogo di pregio assoluto, adesso Patrimonio dell’Umanità. E le rivelazioni riguardo questa data non sono affatto finite, perché proprio il 28 aprile del 1896 fu rinvenuta negli scavi del santuario di Apollo l’Auriga di Delfi, una scultura greca bronzea databile al 475 a.C.

Nel non troppo lontano 1937, sempre nella data del 28 aprile, è stata inaugurata Cinecittà a Roma e, lo stesso giorno dello stesso anno, il Metropolitan Museum of Art di New York.

Nel 1945 Benito Mussolini e la sua compagna Clara Petacci, vengono fucilati da membri della resistenza italiana a Giulino di Mezzegra

Ma oggi? Cosa accade oggi il 28 aprile? A livello internazionale è stata instituita la Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro; in Canada è Giornata di lutto nazionale in ricordo delle vittime del lavoro; in Afganistan si celebra il Giorno della rivoluzione (o della vittoria) in commemorazione della vittoria sull’occupazione sovietica.

Una celebrazione particolare però avviene proprio nel nostro paese. In Sardegna ogni 28 aprile si celebra la festa del popolo sardo, Sa die de sa Sardigna!

Sa die de sa Sardigna è la festa del popolo sardo che ricorda i cosiddetti “Vespri Sardi”, cioè l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 con il quale si allontanarono da Cagliari i Piemontesi e il viceré Balbiano in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’isola titolare del Regno di Sardegna.(SardegnCultura)

Ogni anno la giornata è colma di eventi, per avvicinare la popolazione a temi caldi e attuali ma anche per approfittare di quest’occasione per riunisti tutti in festa, tra musica e spettacoli di vario genere!

Il 28 aprile ci ha riservato sorprese e continua a donare a qualcuno momenti di gioia e di confronto. Speriamo possa confermare la sua importanza nel futuro e auguriamo un buon compleanno a chi compie gli anni proprio oggi!

 

Alessia Di Maria

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *