In questi giorni di freddo, pioggia, nebbia, grandine e neve, abbiamo sofferto tutti le basse temperature e il maltempo.

I più fortunati sono rimasti a casa al riparo dalle folate di vento ghiacciate e dalle strade colme di neve; i più sfortunati sono usciti per lavoro o per impegni presi ancor prima che si sapesse di questa ondata di maltempo. Ma non siamo gli unici ad essere talvolta costretti a convivere con una temperatura che proprio mite non è. Anche i nostri animali domestici sopportano con noi il freddo di questi giorni e il mal tempo che ci ha bloccati in casa con loro. Saranno contenti, loro, con i loro padroni costretti in casa. Un po’ meno noi che a poco a poco questa bella neve iniziamo a detestarla. E dovremmo detestarla pure per loro, che di certo, l’aria fredda della temperatura sotto lo zero, ai nostri amici non fa bene. Come ripararli dal freddo dell’inverno? Intanto sarebbe utile far sì che i cani non stiano direttamente a contatto con il pavimento. Potremmo mettere delle coperte in una cesta o in un angolo della casa, dove il nostro amico amerà riposarsi e riscaldarsi. Ma, dovranno pur uscire questi cani! Non negategli la passeggiata, perché potrebbe pure cascare il mondo, ma loro devono fare i bisognini. Allora prendete qualche piccola precauzione prima di portarli fuori. Intanto non fatelo stare troppo a contatto con la neve perché potrebbe iniziare un processo di assideramento. Si potrebbero mettere sulle zampette delle scarpette utili proprio con le temperature basse e la neve. Prima di portarlo dentro, poi, è il caso di asciugarlo per bene; prima con l’asciugamano e poi, se è così bagnato, con il phon. Assicuratevi che sia vispo e che sia asciutto, perché un comportamento singolare e poco attivo potrebbe essere il campanello di allarme per un malessere e il pelo bagnato potrebbe provocarlo. I cani con il pelo raso potrebbero aver bisogno di un cappottino per le passeggiate; almeno per le giornate più pesanti. Per il resto, basta star vicini che ci si riscalda tutti!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *