Accade spesso di vedere il nostro amico peloso grattarsi animatamente, molto più di noi. Ed è normale, considerando la differenza tra il nostro “pelo” e il loro! Ma quando diventa una ricorrenza eccessiva e con un’animosità esasperata potremmo iniziare a preoccuparci della cosa.

www.Qzlife.it

Potrebbero essere tante le cause e naturalmente è sempre consigliabile consultare il veterinario, ma ci sono piccoli accorgimenti che è possibile prendere se il cane non è ancora arrivato al punto di tirarsi via la pelle e di stressarsi in maniera eccessiva.

La prima causa potrebbe essere il pelo morto. Dunque è consigliabile spazzolare il cane ogni giorno se non dovesse essere già vostra abitudine farlo! Il pelo morto depositato da molto fastidio al nostro amico e toglierlo gli darebbe un notevole sollievo.

La seconda causa possibile è quella dell’alimentazione. Capita che un alimento non adatto al nostro cane possa causargli una fastidiosa dermatite. Perciò potreste fare il tentativo di cambiare crocchette, magari tentare di capire se quelle consumate non sono ottime.

Un’altra causa potrebbe essere quella del bagnetto! Magari ha bisogno di esser lavato o lo shampoo da poco utilizzato è troppo aggressivo per la sua cute, quindi va cambiato. O ancora potrebbe capitare di non sciacquare bene il cane. Questo potrebbe dar fastidio alla pelle e dunque causerebbe il feroce grattarsi del cane.

I parassiti danno parecchio fastidio. Ma su quelli non c’è tanto da tentare e capire. Se il cane ha le pulci o delle zecche attaccate addosso, basta controllarlo, vedere se sulla cute si vedono pulci o, al tatto, controllare se qualche zecca lo ha morso e di conseguenza curarlo a dovere.

Per ogni altra possibile causa che riguarda allergie, dermatiti, rogna, stress ecc è bene rivolgersi al proprio veterinario perché i fastidi alla pelle non sono da sottovalutare, né per il vostro cane che si stressa inutilmente né per voi che, procastinando, vi ritroverete poi ad affrontare problemi amplificati.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *