Raramente accade di adottare o acquistare un cane già adulto. Generalmente, nelle nostre case, entrano quando sono ancora cuccioli o, seppure adulti, quando ancora non sono abituati alla vita domestica.

Foto di www.ecomesifa.it
Foto di www.ecomesifa.it

E la vita domestica, rispetto a quella di strada, da canile o d’allevamento è decisamente diversa! Può esserlo per tanti aspetti: per la libertà di fare quel che si vuole quando si vuole, per la capacità all’ascolto oppure per i bisognini. I cani provengono da un allevamento è possibile (ma non certo) che siano già abituati a farla fuori! Ma negli altri casi? Nei canili e per strada, sono abituati a considerare il mondo intero come la loro infinita latrina. E non ci sono limiti per loro, viaggiatori erranti in cerca di coccole, o prigionieri di gabbie in attesa di una famiglia. Quando arrivano a casa è tutta un’altra storia. Chi ha il giardino e non lo fa entrare in casa ha quasi tutti i problemi risolti, anche se è necessario far uscire il cane dal cancello di casa, portarlo a fare delle passeggiate e fargli vedere persone e animali sconosciuti. Chi invece lo tiene in casa, all’inizio potrebbe passare le sue giornate a pulire i pavimenti e a sbraitare, contando sempre più capelli bianchi. Ecco, questo, a detta di tanti addestratori, è il primo errore da non commettere. Sì. Le urla sono da evitare. Anche perché all’inizio il cucciolo, non essendo vaccinato, non può farla fuori. Deve necessariamente fare i suoi bisognini dentor casa, su un giornale o su un faldone. Quindi prima va insegnato al cucciolo a farla lì. Il primo metodo di educazione al “bisognino nei posti deputati” è quello di evitare il rimprovero quando sbaglia ma di preferire il premio quando la fa nel posto giusto. Il cane, spesso, si inibisce, e pensa sia sbagliato il bisognino, non il luogo nel quale lo fa. Perciò, soprattutto con i cuccioli, esagerate nelle moine, perché deve capire che, sì, l’ha fatta proprio nel posto giusto. E quando si passa al fuori? Munitevi di bocconcini, di biscottini o di qualunque piccolo premio e, soprattutto, munitevi di estrema pazienza. Si consigliano lunge passeggiate. Prima parecchie, perché il cucciolo non resiste più di tre ore, e poi sempre a diminuire. Ora, so che potreste sentirvi in imbarazzo a far le feste al proprio cane che fa la pipì, ma se volete evitare i bocconcini (anche se sono il metodo più efficace per fargli capire “Ehi, questa cosa mi conviene farla spesso!”, potreste, appunto, fargli le feste quando riesce a farla nell’aiuola sotto casa. Alcuni cani, poi, essendo abituati a farla nel giornale dentro casa, l’aiuola spoglia, nemmeno la guardano. Un altro metodo efficace, può essere quello di portarvi dietro i giornali o i faldoni, metterli nell’aiuola o sul terreno nel quale va fatto il bisognino. Questo va necessariamente accompagnato da un premio, che sia in cibo o in carezze vedete voi. Poi quando capirà che quelli sono i posti deputati al bisognino potete togliere il giornale a poco a poco, diminuendo gradualmente le sue dimensioni, e le moine e limitarvi ad un “no” o alle “non coccole” quando malauguratamente, da adulto, la fa dentro. Ad ogni modo, portare il cane a fare passeggiate regolari. Ve li immaginate queste povere creature ad aspettare un giorno intero per poter correre giù dalla loro tanto amata e attesa aiuola?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *