Al centro di notiziari e pagine di quotidiani, tra malattie trasmissibili e le appropriazioni indebite dei tetti delle città, le colombe probabilmente non si sarebbero mai aspettate di essere persino al centro di un articolo di Tratto Rosa. Ebbene, anche le colombe possono essere domestiche!

Foto di www.petsblog.it
Foto di www.petsblog.it

Non ce lo siamo inventati. Vengono cresciute, allevate, amate e coccolate. Proprio come i cani, i gatti, i lemuri e i maialini. Anche questa volta a portare il “buon esempio” è un vip. E che vip! Mike Tyson appare proprio in questa foto, dolce e amorevole, insieme alla sua colomba domestica. Le alleva sin da quando era bambino e guai a chi toccava le sue colombe. Raccontò persino di aver fatto a botte la prima volta da bambino perché un suo compagno di scuola aveva staccato il collo ad una colomba. Probabilmente, se il ragazzino in questione avesse saputo chi sarebbe diventato Mike Tyson, quel giorno avrebbe scelto un’altra vittima da importunare.

Ma come ci si prende cura di una colomba? Innanzi tutto è necessario fornirle l’abitat adeguato. Si può tenere in voliera, in giardino, a terra o su grigliato. Una possibilità è quella di tenerla all’aperto con nidi fatti da casse di legno sparsi, appesi o attaccati in alcuni punti.

Se ne possedete tante c’è qualche piccolo accorgimento da seguire. Ad esempio è sconsigliato il “sovraffollamento”. La presenza, cioè, di tante colombe che convivono in un unico ambiente può portare a delle gravi malattie. Il nutrimento è notevolmente vario. Possono mangiare mollichine, pasta, pane, frummento, frutta, lattuga… insomma mangiano un pò di tutto. Ha una vita media di 3/4 anni e si legano in maniera indissolubile al padrone. Volano via qualche volta ma tornano sempre.

Volete anche una colomba? Avete giò una fattoria in casa e vi manca questo elemento alla “collezione”. Beh, inutile dire che gli animali non si collezionano ma si amano e si curano, ma questo lo sapete già. Che sia un cane, un gatto o una colomba, è comunque una responsabilità. Prendetevene cura!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *