“Gli manca la parola” si dice di alcuni animali domestici. Che sia cane, gatto o criceto, capita di entrare in contatto con loro a tal punto da capirsi. Ma banale assenza di parola appare superflua perché anche senza le parole si può comunicare.

Il linguaggio degli animali è complesso e noi di linguaggi complessi ne sappiamo qualcosa. Così come ogni nostro movimento, sguardo, tono, può voler dire tante cose, anche per loro funziona così!

Abbiamo già parlato di come i cani manifestano le loro emozioni.

Quante e quali emozioni provano i cani? Impara a riconoscerle

E gli altri animali? I gatti, per esempio, hanno modi differenti di comunicare con il loro corpo e i versi. Il ringhio è comune a tutti: un segnale di difesa, di ostilità, che ci comunica di allontanarci. Ma il resto del corpo si muove si conseguenza ad altre emozioni. Le fusa che in tanti amano, non sempre vogliono dire “coccolami”. Seppure nella maggior parte dei casi stanno ad indicare uno stato sereno del gatto, talvolta sono indice di sentimenti negativi. I gatti, infatti, così come i bambini che si succhiano il pollice, possono fare le fusa per confortarsi. Quindi in momenti in cui l’umore è giù o non stanno molto bene.

Anche i versi possono avere differenti significati. Il miagolio del gatto può essere un saluto, una richiesta, un richiamo! O ancora alcuni versi, simili a quelli che la mamma gatta fa a i piccini, esortano l’altro a seguirli. L’ululato invece, verso non poco fastidioso, si associa sempre al calore. Ebbene, seppure sia la circostanza più diffusa, questo verso, in gatti di età adulta, può essere indice di demenza, senilità. Il gatto è disorientato e ulula. E se vi si strofina addosso, non ha prurito, sta dicendo “questa umana qui è mia”. Noterete che lo fa anche con i mobili e i divani. Sì, è tutto suo.

Ma il mondo animale è vasto e affascinante. Ci sono creature viventi che hanno sviluppato nel tempo modi di comunicazione più disparati. Impulsi, sequenze, ultrasuoni, bioacustica. Il linguaggio degli animali è stato spesso studio di ricerche per scoprirne sempre di più il “codice”. Non tutto però è scoperto e il mondo ha ancora tante verità in serbo per noi.

Alessia Di Maria

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *