Arriva il sole, il caldo, il cielo limpido e la voglia di dormire o di fare cose rilassanti insieme ai propri affetti. Si dice “aprile dolce dormire”, ma in questo periodo di belle giornate e aria tiepida cosa c’è di meglio di una passeggiata con il proprio cane?

http://www.lifegate.it

Dicono sia persino terapeutica, ma al di là dei possibili benefici, il cane principalmente ne ha decisamente bisogno. Per sgranchirsi le zampe, per socializzare e per fare i bisognini; sono tanti i motivi per fare una bella e rilassante passeggiata, ma non sempre riesce ad essere esattamente rilassante! Perché?

Perché ci si può imbattere in situazioni spiacevoli e in creature non proprio amichevoli. Non stiamo parlando di chissà quale animale selvaggio e spaventoso. Facciamo riferimento ad un esserino piccolo, apparentemente innocuo ma potenzialmente letale: la processionaria.

La processionaria è un lepidottero, diffuso in Europa, le cui le larve si nutrono delle foglie degli alberi di quercia. Perché un esserino così piccolo dovrebbe dare così tante preoccupazioni? Perché basta un contatto minimo per causare dei grossi danni. I peli dell’animale si depositano sulla lingua e sulla pelle del nostro cane e provocano cgonfiori, salivazione eccessiva, necrosi e talvolta il decesso.

Cosa fare in questi casi? Se doveste notare questi sintomi nel vostro cane dovreste intervenire subito, oltre che chiamare il vostro veterinario o andarci voi stessi con il cane! Per fare ciò sarebbe utile portare con sé una siringa, dell’avqua e del bicarbonato, da distribuire, senza ago, sulle zone colpite, per rimuovere i peli o quantomeno tentare di rimuoverli. Poi il veterinario interverrà con antibiotici e pulizia locale ed accurata.

Ad ogni modo un primo intervento è fondamentale. Purtroppo questi esserini piccoli e apparentemente indifesi riescono a dare grandissime preoccupazioni, ogni anno, a proprietari di cani e veterinari. La loro azione di difesa sa essere fastidiosa, pericolosa o letale.

Basta saperli riconoscere ed essere reattivi, per salvare la sorte del nostro amico a quattro zampe!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *