Il 12 gennaio dell’ultimo secolo ha visto i natali di tante star della tv, del cinema e dello sport. Tra questi Nadia Rivera, principalmente nota per il ruolo di Samanta Lopez nella serie televisiva Glee, il calciatore Pablo Osvaldo, attaccante del Boca Juniors e, fino al 2014, della nazionale italiana, l’attrice Kirsten Alley, che tutti ricordiamo per i tre “Senti chi parla” ma che vanta una lunga lista di film e telefilm nei quali ha recitato, la showgirl Maddalena Corvaglia e tanti altri più o meno noti.

Oggi però, pur augurando a tutti loro un buon compleanno, vogliamo dedicare questo spazio ad un attore e comico italiano, anche lui nato il 12 gennaio e che oggi per la gioia di tanti festeggia 59 anni dalla sua nascita. Stiamo parlando di Bruno Arena. Per anni è stato componente del duo comico i “Fichi d’India” insieme a Massimiliano Cavallari che è adesso costretto a proseguire la sua carriera da solo a causa dei gravi problemi di salute che hanno investito senza preavviso l’amico e collega. Era il 17 gennaio del 2013 quando, durante la registrazione di una puntata del programma cabarettista “Zelig”, la rottura di un aneurisma gli causò un’emorragia cerebrale. Solo dopo due mesi l’attore è uscito dal coma. Adesso Bruno Arena è avvolto da tutto l’affetto che gli amici e la sua famiglia riescono a donargli con tutta la forza e il coraggio che la vita sa concedergli. E quel che resta ad un pubblico che tanto ha riso alle sue battute e alle sue gag sono poche lacrime di commozione e stima nel vederlo sporadicamente(com’è giusto che sia) mentre emana una forza d’animo disarmante che forse solo chi lo vive può riuscire a comprendere. Destino beffardo quello di un comico che riesce a far piangere il pubblico senza neppur scrivere un copione. E forse il regalo che noi possiamo fargli è continuare a ridere alle sue gag ricordando attraverso queste l’uomo che è e che ci sarà sempre dietro ad un volto stanco o  ad un sorriso a metà.

Buon compleanno Bruno!

 

Alessia Di Maria.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *