Carissime lettrici, carissimi lettori, è arrivato un altro giovedì e con lui una valanga di nuove uscite al cinema. Film horror, d’animazione, drammatici; tutti i gusti sono soddisfatti! In particolare per chi l’amore lo sogna sempre, persino nel bel mezzo di una guerra.

inamoreperguerra_nuovofilmpif_poster

Qual è, altrimenti, il ruolo dell’amore, se non quello di muovere i più piccoli meccanismi che compongono e danno vita alle grandi pagine? Pif ama raccontare questo. Al centro torna il quotidiano, l’amore, la storia dei piccoli “nessuno” durante i periodi che si fanno ricordare per grandi eventi. Che siano i delitti di mafia o la seconda guerra mondiale non importa, perché a Pif importa quell’unica costante che unisce tutti i pezzi: l’uomo. L’uomo è piccolo, è debole poi è forte, ha paura poi ama, vede il mondo e lo racconta, ed è attraverso i suoi occhi che si costruisce tutto, che si fanno le guerre, che si fa l’amore.

Il protagonista del film di Pif si trova in una situazione del tutto singolare: pur di riuscire a liberare la sua amata dalle grinfie di un uomo che è costretta a sposare, decide di partire alle volte della Sicilia per convincere il padre di lei, palesandogli il desiderio di sposarla. Sorge solo un piccolo problema… in Sicilia c’è la guerra! Ma come può una guerra mondiale fermare l’amore? Forse qualcuno avrebbe scelto il divano di casa e un film vietato ai minori, ma a Pif, oltre che amare, piace sognare, dunque ha deciso di sognare un amore autentico, per il quale vale la pena andare in guerra. “In guerra per amore” sembra quasi un paradosso, come se le due cose, “guerra” e “amore”, possano coincidere! Ma lui non vive la guerra della Sicilia, lui vive la sua personale guerra contro quel viaggio e contro quella sfida difficile quanto importante: salvare la sua donna da quella condanna, perché nessuna guerra fa tanta paura quanto l’idea di non poter scegliere con chi passare il resto della propria vita.

“In guerra per amore” da oggi al cinema!

https://www.youtube.com/watch?v=ydJY-01ko3o

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *