Esce oggi nelle sale cinematografiche il nuovo film di Marcello Macchia, in arte Maccio Capatonda.

Un progetto, pare, ben pensato, attorno ad un fenomeno che sta spesso al centro tra gli esponenti maggiori dell’opinione pubblica e, malgrado il nome del film, non si tratta del fenomeno degli omicidi, bensì di tutto quel che ruota attorno ad essi. Giornali, pubblicità, interviste, notizie, storie… in poche parole “business”.

Ed è per questo che al sindaco di “Acitrullo” (Maccio Capatonda e i suoi nomi…) viene la geniale idea di sfruttare la morte naturale di una donna per intercettare l’attenzione dei media nazionali sul suo paesino che altrimenti andrebbe in fallimento. Il dramma porta la fama e la fama porta turismo, così si assiste ad un’esasperazione di un fenomeno che, per quanto assurdo possa sembrare, in fondo, esiste davvero.

Perché al di là delle terribili notizie di cronaca, la strumentalizzazione e l’esagerazione che ne fa da contorno, spesso è decisamente più agghiacciante. Tolti, chiaramente, quegli interventi e quei contributi che poche trasmissioni e pochi professionisti hanno saputo dare concretamente negli anni; quando il giornalismo è professionale sa arrivare dove l’accattonaggio di notizie non potrà mai far nulla.

Ma prevale, nella massa di contenuti, nell’affollarsi di canali, il lato negativo della storia. Quello che Marcello Macchia oggi vuole raccontare con il suo nuovo film.

Omicidio all’italiana, con il suo turismo dell’orrore, le impavidi giornaliste da salotto, i testimoni del nulla e i tuttologi in poltrona.

Regia di Marcello Macchia.
Un film con Marcello Macchia, Luigi Luciano, Enrico Venti, Gigio Morra, Sabrina Ferilli.
Genere: Commedia.
Durata: 90 minuti.
Distribuito da: Medusa.
Oggi al cinema in 153 sale cinematografiche.
E voi? Che farete? Andrete al cinema a vedere il nuovo film di Marcello Macchia? Aspettiamo i vostri commenti e le vostre prime impressioni. Ci vediamo tutti sulle nostre care e comode poltrone rosse.
Buona visione!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *